"Nuovi anticoagulanti orali: in…

Sintesi interventi relato…

Dolore cronico nei pazienti anzi…

Tecniche di comunicazione…

Molte amicizie (vere) su Faceboo…

Buone notizie per gli ama…

Scoperta una proteina che rallen…

Bloccando una proteina c…

Dolore Cronico per oltre 745.000…

Il 15 ottobre, arriva in …

Sclerosi multipla: differenze ce…

La differenza che c'e' tr…

Marijuana e salute: una relazion…

L’uso abituale di marijua…

Broccoli anti-cancro, ma collabo…

[caption id="attachment_…

Staminali per la rigenerazione d…

[caption id="attachment_8…

Bambini all'aria aperta anche d'…

Le precauzioni per evitar…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La dineina, pigro motore delle cellule nervose

Per funzionare a dovere la dineina, motore degli spostamenti cellulari dei neuroni nella fase di sviluppo del cervello, ha bisogno del supporto di due altre proteine

Il “motore” proteico che sposta i componenti presenti all’interno delle cellule nervose e le cellule nervose stesse nella fase di sviluppo è molto pigro e per svolgere con solerzia il proprio lavoro deve essere sollecitato e rinforzato da due altre proteine. La scoperta, che getta luce sullo sviluppo di un raro e gravissimo tipo di malformazione cerebrale, è stata fatta da ricercatori dell’Università dello Utah che la illustrano in un articolo pubblicato sulla rivista Cell.

I ricercatori hanno scoperto come due proteine, LIS1 e NudE (nuclear displacement protein E), si legano, rafforzandola a un’altra proteina, la dineina, che funge da motore per spostare diversi componenti all’interno della cellula e, allo stesso tempo, a muovere la cellula stessa. Ogni cellula contiene centinaia di migliaia di questi minuscoli motori.

“Abbiamo scoperto che queste due proteine, NudE e LIS1, producono uno speciale arrangiamento con la dineina. Tutte e tre si possono legare assieme, e NudE e LIS1 concorrono a permettere alla dineina di spostare nella cellula oggetti pesanti come un nucleo in modo più efficiente. La dineina è una specie di proteina ‘sfaticata’: da sola, se la si strattona abbastanza rinuncia facilmente al suo compito, cosa che non succede se sono presenti NudE e LIS1”, spiega Michael Vershinin, uno degli autori dello studio.

Una LIS1 mutante è stata posta in relazione alla forma classica di lissencefalia, una malformazione cerebrale dovuta a un difetto nella migrazione delle cellule cerebrali durante lo sviluppo, che colpisce circa un neonato su 100.000. La lissencefalia è caratterizzata da uno sviluppo del cervello privo circonvoluzioni e ripiegamenti, e delle venti forme note della malattia, almeno tre sono dovute a geni difettosi; il mutante di LIS1 è presente in almeno la metà di tutti i casi di lissencefalia. La malattia comporta ritardo mentale, sviluppo di crisi epilettiche, ritardo nella crescita, malformazioni alle dita e morte precoce.

Lo studio ha analizzato i rapporti fra le tre proteine in vitro e non su modelli animali, per cui, avvertono gli autori “c’è ancora molto da fare per comprendere appieno la complessità di ciò che avviene nella cellula e siamo ancora lontani da un’applicazione clinica”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!