A Trescore Cremasco una giornata…

Venerdì 13 maggio, a Tres…

Pubblicazione su Nature sulla ma…

Nature pubblica oggi onli…

Il testosterone ci rende più one…

Il testosterone è respons…

Anomalie al midollo osseo e alle…

La carenza di sonno può c…

“Creating beauty”: l’esperienza …

Sono giovani. Sono pieni …

Perdita di udito: come affrontar…

Circa il 16 per cento deg…

Medtronic è tra le aziende più i…

Milano, 24 febbraio 2017 …

Deficit intellettivo: scoperta l…

Ci sarebbe una mutazione …

Emofilia B: nuova tecnica di ter…

L'emofilia B puo' essere …

Verso un vaccino contro la dipen…

E' costituito da una part…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La dineina, pigro motore delle cellule nervose

Per funzionare a dovere la dineina, motore degli spostamenti cellulari dei neuroni nella fase di sviluppo del cervello, ha bisogno del supporto di due altre proteine

Il “motore” proteico che sposta i componenti presenti all’interno delle cellule nervose e le cellule nervose stesse nella fase di sviluppo è molto pigro e per svolgere con solerzia il proprio lavoro deve essere sollecitato e rinforzato da due altre proteine. La scoperta, che getta luce sullo sviluppo di un raro e gravissimo tipo di malformazione cerebrale, è stata fatta da ricercatori dell’Università dello Utah che la illustrano in un articolo pubblicato sulla rivista Cell.

I ricercatori hanno scoperto come due proteine, LIS1 e NudE (nuclear displacement protein E), si legano, rafforzandola a un’altra proteina, la dineina, che funge da motore per spostare diversi componenti all’interno della cellula e, allo stesso tempo, a muovere la cellula stessa. Ogni cellula contiene centinaia di migliaia di questi minuscoli motori.

“Abbiamo scoperto che queste due proteine, NudE e LIS1, producono uno speciale arrangiamento con la dineina. Tutte e tre si possono legare assieme, e NudE e LIS1 concorrono a permettere alla dineina di spostare nella cellula oggetti pesanti come un nucleo in modo più efficiente. La dineina è una specie di proteina ‘sfaticata’: da sola, se la si strattona abbastanza rinuncia facilmente al suo compito, cosa che non succede se sono presenti NudE e LIS1”, spiega Michael Vershinin, uno degli autori dello studio.

Una LIS1 mutante è stata posta in relazione alla forma classica di lissencefalia, una malformazione cerebrale dovuta a un difetto nella migrazione delle cellule cerebrali durante lo sviluppo, che colpisce circa un neonato su 100.000. La lissencefalia è caratterizzata da uno sviluppo del cervello privo circonvoluzioni e ripiegamenti, e delle venti forme note della malattia, almeno tre sono dovute a geni difettosi; il mutante di LIS1 è presente in almeno la metà di tutti i casi di lissencefalia. La malattia comporta ritardo mentale, sviluppo di crisi epilettiche, ritardo nella crescita, malformazioni alle dita e morte precoce.

Lo studio ha analizzato i rapporti fra le tre proteine in vitro e non su modelli animali, per cui, avvertono gli autori “c’è ancora molto da fare per comprendere appieno la complessità di ciò che avviene nella cellula e siamo ancora lontani da un’applicazione clinica”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x