MAL DI SCHIENA: ARRIVA “MINOSSE…

Mitologia classica e tecn…

Secondo gli psicologi depression…

"Nel nostro Paese si sta …

L’importanza della centralità de…

“Il dolore e la sofferenz…

AIDS: un antibiotico insieme a a…

[caption id="attachment_6…

Lo stress ossidativo e i geni - …

[caption id="attachment_9…

Tumore ovarico, i poteri di miR-…

Nei casi di tumore ovaric…

Pesticidi nelle falde freatiche:…

Messo a punto da un dotto…

Cloro in piscina: i medici estet…

Ritorna il gran caldo ed …

Anemia: una patologia da affront…

Nasce “Anemia Alli…

Predisposizione ai tumori: indiv…

Una mutazione genetica …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: al via lo studio clinico di Fase III di NGR-hTNF per il trattamento del mesotelioma

E’ stato avviato il trattamento del primo paziente dello studio di Fase III (NGR015) del farmaco antitumorale sperimentale NGR-hTNF, sviluppato dall’azienda biotecnologica italiana MolMed, nel mesotelioma pleurico maligno, una malattia collegata alla ripetuta esposizione alle fibrille di amianto, per la quale le cure antitumorali convenzionali risultano inefficaci. NGR-hTNF è un agente mirato ai vasi tumorali con modalità d’azione unica, capostipite nella classe dei complessi peptide/citochina in grado di mirare selettivamente ai vasi tumorali. E’ formato da un peptide (NGR) che lega selettivamente i vasi sanguigni che alimentano il tumore, unito alla citochina antitumorale TNF.

A partire dai risultati positivi ottenuti in uno studio multicentro di Fase II, lo studio di Fase III è disegnato al fine di permettere la piena esplorazione del potenziale
terapeutico di NGR-hTNF nel trattamento della malattia. A tal fine sono stati arruolati 400 pazienti adulti, affetti da mesotelioma pleurico maligno ed in progressione di malattia dopo il trattamento con un regime chemioterapico a base di pemetrexed. La sperimentazione prevede la somministrazione di NGRhTNF in aggiunta alla “miglior scelta dello sperimentatore” (MSS), versus placebo in aggiunta alla MSS: la MSS consiste nella terapia di supporto da sola, oppure combinata con un agente
chemioterapico scelto tra doxorubicina, gemcitabina o vinorelbina. NGR-hTNF verrà somministrato via endovenosa, con un’infusione della durata di un’ora, al dosaggio di 0.8 ìg/m2 una volta alla settimana, fino a progressione della malattia; il placebo seguirà le stesse modalità di somministrazione nel braccio di controllo. Obiettivo principale dello studio è la sopravvivenza globale; gli obiettivi secondari includono la sopravvivenza senza progressione di malattia, il tasso di
controllo della malattia, il profilo di sicurezza e la qualità della vita dei pazienti.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi