“Storie di vita negli anni d’arg…

Una ricerca condotta da F…

Posta elettronica: gli atteggiam…

Volete essere felici o se…

Glioblastoma: studio del CNR spi…

È un tumore cerebrale che…

Una "macchina del tempo" molecol…

Una nuova ricerca ha perm…

La trascrizione dell'RNA: meccan…

E' un meccanismo noto da…

SLA e Sclerosi Multipla: partono…

[caption id="attachment_…

Ecografo a domicilio: saranno su…

Medicina interna e diagno…

Se il maschio e' un 'gentleman' …

Fra gli "scooter d'acqua"…

Massimo rigore con chi infrange …

Il presidente dell’Ordine…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cetuximab: trattamento standard per il tumore al colon

Merck Serono, una divisione di Merck KGaA, Darmstadt, Germania, ha annunciato oggi che i risultati di un’indagine, presentati al congresso annuale dell’American Society of Clinical Oncology (Asco), rivelano che Cetuximab e’ diventato uno standard di cura per i casi di tumore metastatico del colon retto (mCRC, metastatic colorectal cancer) con Kras wild type. Inoltre, il numero dei pazienti sottoposti al test del Kras, al fine di determinare il possibile beneficio di una terapia personalizzata, come ad esempio Cetuximab, e’ balzato dal 2,5% nel 2008 al 42% all’inizio del 2009. Queste cifre evidenziano un marcato cambiamento nella pratica clinica dei medici impegnati nel trattamento del tumore metastatico del colon retto, i quali sempre piu’ spesso utilizzano il test del Kras per offrire ai pazienti una terapia personalizzata.


“Il crescente aumento del numero dei pazienti testati per determinare lo stato del Kras e’ estremamente incoraggiante e riflette le recenti raccomandazioni affinche’ tutte le persone colpite da tumore metastatico del colon retto siano sottoposte al test del Kras al momento della diagnosi”, ha dichiarato il professor Fortunato Ciardiello, sperimentatore principale e professore di Oncologia Medica della Seconda Universita’ di Napoli. “Questo aumento indica anche che i medici, che hanno la responsabilita’ di offrire ai pazienti la migliore cura possibile, cominciano a utilizzare un test che permette loro di offrire ai pazienti un trattamento personalizzato e un aumento delle possibilita’ di sopravvivenza”. L’indagine, che ha valutato la conoscenza e l’utilizzo del test Kras tra 1.254 medici in Europa, Asia e America Latina, ha anche mostrato che circa un quarto dei medici ormai esegue sempre il test del Kras come parte standard della procedura diagnostica di routine del tumore metastatico del colon retto. E’ inoltre fondamentale sottolineare che, dei pazienti colpiti da tumore metastatico del colon retto a cui sia stato confermato un tumore Kras wild type, il 44% ha ricevuto un trattamento con Cetuximab. “Il test del Kras sta rapidamente diventando una parte integrante del trattamento del tumore metastatico del colon retto e Cetuximab, che ha dimostrato di aumentare in misura significativa la sopravvivenza, e’ chiaramente il trattamento mirato scelto per i pazienti colpiti da tumori con Kras wild type”, ha dichiarato il professor Ciardiello. “Tuttavia, appare chiaro che bisogna fare di piu’ per assicurare che tutti i medici utilizzino i risultati del test Kras per guidare la loro scelta di trattamento oltre la chemioterapia”. Dal primo annuncio, durante l’Asco 2008, dei risultati che dimostravano una significativa efficacia di Cetuximab nei pazienti mCRC con tumori Kras wild type, si e’ verificato un aumento significativo nella comprensione del ruolo e del valore del test del Kras da parte dei medici. Inoltre, l’importanza di questo ruolo e’ stata sottolineata questa settimana nel corso dell’Asco 2010 con la presentazione degli ultimi risultati dello studio CRYSTALa, che confermano il beneficio significativo del farmaco sulla sopravvivenza globale rispetto alla sola chemioterapia. Questi risultati dimostrano ancora una volta che il Kras e’ un importante biomarcatore predittivo dell’efficacia di Cetuximab nel tumore metastatico del colon retto e si aggiungono alla crescente raccolta di prove a sostegno dell’uso del test del Kras e di Cetuximab nel trattamento della patologia. “Attualmente, il crescente riconoscimento del ruolo chiave del test Kras nella gestione del tumore metastatico del colon retto si riflette nelle azioni significative che i medici hanno gia’ intrapreso per includere il test nelle loro pratiche di trattamento”, ha dichiarato Wolfang Wein, Executive Vice President, Oncologia Merck Serono. “Inoltre, gli ultimi risultati su Cetuximab offrono una valida motivazione alla comunita’ oncologica a garanzia che il test KRAS diventi uno strumento standard di diagnosi nel tumore metastatico del colon retto e che i pazienti abbiano accesso alle terapie personalizzate che potrebbero offrire i migliori benefici in termini di sopravvivenza”. L’uso dei biomarcatori nella gestione terapeutica di un tumore e’ un’innovazione che ha aumentato in modo significativo la qualita’ e i risultati nella cura dei pazienti. A partire dai primi risultati su Cetuximab e sul Kras emersi nel 2008, sono stati compiuti passi in avanti per rendere il test del Kras un elemento standard nella procedura diagnostica del tumore metastatico del colon retto. Nel 2009, il National Comprehensive Cancer Network (NCCN) ha raccomandato che tutti i pazienti colpiti da tumore metastatico del colon retto vengano testati per il Kras alla diagnosi e l’Emea ha indicato che Cetuximab dovrebbe essere usato esclusivamente nei pazienti colpiti da tumore metastatico del colon retto con gene Kras wild type (circa il 65% dei pazienti colpiti da tumore metastatico del colon retto).

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!