Sistema immunitario: il blocco d…

Il sistema immunitario u…

Parto indotto, per ridurre morta…

Il travaglio indotto puo'…

Nuove ossa nei macachi, generate…

Dimostrato per la prima v…

La melatonina potrebbe abbassare…

La melatonina potrebbe ab…

Ebola: un nuovo vaccino che stim…

Testato su 120 volontari …

Cellule staminali: lo stomaco ne…

Un nuovo studio ha mostra…

Invecchiamento: studio comprova …

Un nuovo studio condotto …

Sindrome premestruale, il proble…

Alla base della sindrome …

Bastera' un respiro per rivelare…

[caption id="attachment_1…

Tumori del polmone: nuovo test p…

Un nuovo test molecolare …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Prostata in laparoscopia: interventi non invasivi e precisi del ‘robot-chirurgo’

Prostata

Casi estremi, al limite, che solo il “robo-chirurgo” riesce a risolvere. E’ dedicato alle frontiere più avanzate della pratica medica il settimo Congresso europeo di chirurgia laparoscopica e robotica che si sta svolgendo a Roma (fino a domani, 12 giugno). Oltre 400 chirurghi da tutto il mondo per le sessioni di videodimostrazione: interventi di altissima precisione, minivasivi, che utilizzano tecnologie pensate per ridurre l’impatto dell’operazione. “E’ la prima volta al mondo – spiega ad ASCA il Presidente del Congresso, Vito Pansadoro, – che un incontro internazionale è stato pensato per portare la laparoscopia e la robotica ai suoi estremi”. Le operazioni trasmesse dalla clinica Pio XI di Roma, spiega Pansadoro, “sono tutti casi ai limiti dell’operabilità, che solo grazie a chirurghi di altissima levatura sono divenuti possibili”.

La chirurgia robotica si sta affermando come standard in molti interventi di asportazione di tumori, in distretti del corpo in cui è richiesta enorme precisione: “Ormai il 60% degli interventi a livello mondiale eseguiti con il robot Da Vinci – spiega il chirurgo – riguardano i tumori della prostata, negli Usa sono l’86%, seguiti dalla rimozioni di tumori renali, cistectomie e stenosi delle vie urinarie”.

I vantaggi della chirurgia robotica sono molteplici. In aree del corpo sulle quali è più difficile intervenire, mediante minuscole aree di ingresso, i “robo-chirurghi” possono eseguire incisioni millimetriche, preservando i fasci nervosi e limitando le conseguenze invasive dell’operazione. E l’Italia, nello scenario internazionale è all’avanguardia: “Basta pensare – ricorda Pansadoro – che 5 dei 17 chirurghi chiamati a fare le dimostrazioni durante il Congresso sono italiani”. (ASCA)

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x