LILT: la solidarietà si veste di…

Giorgia Surina madrina de…

Onde cerebrali simulate da un su…

La potenza di calcolo…

Retina: per ripararla, cellule s…

Dalle cellule staminali d…

Nasce FarmacistaPiù, l’assise an…

Roma, 17 dicembre 2013 - …

Universitari a lezione sul ruolo…

Le opportunità dei farm…

Il daltonismo trattato con terap…

[caption id="attachme…

Neuroni da cellule del fegato co…

CELLULE del fegato trasfo…

Diabete: una diagnosi al minuto …

Ogni minuto, nel nostro P…

Mele, FIMP: si al dibattito di a…

I pediatri di famiglia in…

Vista: intervento risolutivo per…

Un unico intervento per p…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: i due migliori strumenti diagnostici

Sono stati identificati i test che prevedono meglio se una persona con problemi cognitivi potrebbe sviluppare l’Alzheimer: sono la tomografia a emissione di positroni (Pet Scan) del cervello e il test di memoria episodica, un esame dove i partecipanti devono ricordare una lista di parole. E’ il risultato del primo studio che ha comparato i principali strumenti per prevedere lo sviluppo dell’Alzheimer. Lo studio, pubblicato su Neurology, rivista dell’Accademia Americana di Neurologia, è stato condotto da un gruppo di ricerca coordinato dall’università della California a Berkeley.

Questi due test si sono rivelati 12 volte più attendibili nel prevedere la malattia, rispetto agli altri strumenti che sono: analisi del sangue per verificare l’esistenza di una variante del gene Apoe, associata alla malattia di Alzheimer; l’imaging a risonanza magnetica (Mri), per misurare la grandezza dell’ippocampo dei pazienti, la parte del cervello responsabile dell’apprendimento e della memoria e la verifica della presenza anomala delle proteine tau e beta-amiloide nel cervello. I test sono stati eseguiti su 85 persone di età compresa fra 55 e 90 anni con problemi cognitivi e seguiti per 1,9 anni. Nell’arco di questo tempo 28 dei partecipanti hanno sviluppato la malattia di Alzheimer.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!