Allergia arachidi nei bambini: e…

L'immunoterapia orale co…

BPCO: sintomi e diagnosi, le nuo…

Ha un nome complicato, "B…

Caduta dei capelli: il nuovo all…

La guerra contro la cadut…

La Società Italiana di Neurologi…

Roma, 26 novembre 2014 – …

Radioterapia controllata per lim…

Già in uso nella NASA, un…

Il dolore cronico costa troppo a…

Grünenthal, Pain Alliance…

AIDS: con antiretrovirali assunt…

Secondo lo studio, dunque…

A Valenza una giornata di inform…

Mercoledì 13 aprile, a Va…

Morbo di Crohn: nei casi più gra…

La malattia di Crohn è un…

Non è lo spuntino a renderci att…

ROMA - Una colazione da l…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: stimolazione magnetica transcranica migliora facolta’ comunicative

La stimolazione magnetica transcranica ripetitiva (rTMS) rappresenta un possibile trattamento per i deficit cognitivi associati all’Alzheimer. In uno studio pubblicato sul Journal of Neurology, Neurosurgery and Psychiatry i ricercatori dell’IRCCS Centro San Giovanni di Dio Fatebenefratelli coordinati da Maria Cotelli hanno studiato 10 pazienti cui e’ stata applicata la rTMS, una rapida successione di impulsi magnetici, al lobo prefrontale per 25 minuti. Metà dei pazienti ha ricevuto il trattamento per cinque giorni a settimana per un mese, mentre l’altra meta’ ha ricevuto un finto trattamento per due settimane seguito da due settimane di TMS.

I pazienti che hanno avuto il trattamento completo hanno mostrato un miglioramento nella comprensione del linguaggio fino al 77%, un miglioramento ancora visibile dopo 8 settimane. Secondo gli autori il trattamento e’ specifico per questo sintomo, ma serviranno studi più ampi per confermarlo. Per approfondimenti

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi