TBC e malattie autoimmuni: scope…

Pubblicato sulla rivi…

Paracetamolo: l'FDA allerta su r…

L'Agenzia Usa dei farma…

Fecondazione assistita: sdraiate…

Dopo un'inseminazione art…

Malattie coronariche: diagnosi m…

La risonanza magnetica pe…

Tumori: il passo "asincrono" del…

Uno studio pubblicato su …

Botanica: l'orologio circadiano …

[caption id="attachment_1…

I ritmi biologici 'disturbati' d…

I cicli naturali di luce-…

Una proteina “anti stress” è all…

Secondo uno studio condo…

HTA nel dolore muscoloscheletric…

Milano, 14 Aprile 2014 – …

Tutti i mezzi dei Farmacisti vol…

Roma, 2 novembre 2016. La…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il costo energetico del sistema immunitario

La comprensione dei costi dell’immunità e dell’azione di immunomodulazione degli ormoni è centrale per comprenderne il ruolo nella storia evolutiva della vita e dell’uomo

Uno studio condotto da ricercatori della Indiana University ha quantificato i costi energetici del mantenimento e dell’attivazione del sistema immunitario nell’essere umano, nel quadro di una ricerca volta a valutare il bilancio costi benefici dei meccanismi immunitari dal punto di vista evolutivo.

“La risposta metabolica a infezioni anche leggere o a traumi è stata finora poco studiata a dispetto del fatto che gran parte degli studi di antropologia evoluzionistica si basino sull’assunzione che la conservazione e l’attivazione di un sistema immunitario comporti dei costi”, ha spiegato Michael Muehlenbein, primo firmatario dell’articolo pubblicato sull’ American Journal of Human Biology in cui è descritto lo studio.

I ricercatori hanno valutato il metabolismo basale di un gruppo di soggetti in buono stato di salute e in seguito a una leggerissima infezione alle vie respiratorie, scoprendo che in quest’ultima situazione in media il metabolismo accelera dell’8 per cento mentre si osserva anche un abbassamento dei livelli di testosterone del 10 per cento, ma nei casi più “gravi” hanno osservato un crollo del testosterone anche superiore al 30 per cento e un’accelerazione del metabolismo del 14 per cento.

Tipicamente per ogni grado Celsius di aumento della temperatura corporea il metabolismo basale aumenta dal 7 al 15 per cento, e pertanto i risultati della ricerca indicano che la spesa energetica risulta significativamente aumentata anche quando l’infezione non è accompagnata da febbre.

“I risultati documentano un aumento del metabolismo basale e un abbassamento del testosterone in seguito all’esposizione a patogeni, dimostrando che anche una leggera risposta immunitaria determina un significativo aumento della spesa energetica”, ha osservato Muehlenbein. “La comprensione dei costi dell’immunità e dell’azione di immunomodulazione degli ormoni è centrale per comprendere il ruolo dell’immunità nella storia evolutiva della vita e dell’uomo.”

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!