Rete neurale comune a tutti i ve…

A dispetto della vasta ga…

Batteri che resistono all'arseni…

L'analisi comparativa del…

Midollo osseo produce cellule ch…

Il motivo per cui si man…

Inquinamento domestico: un risch…

Nella polvere delle nostr…

Tessuto epatico ricreato artific…

[caption id="attachment_…

Alzheimer a tavola: si alla diet…

[caption id="attachment_3…

Le trasformazioni dei batteri in…

Le colonie di batteri ben…

Malattie cardiovascolari esasper…

[caption id="attachment_5…

Fertilità maschile messa a repen…

Alcune sostanze contamina…

Dermatologia: è allarme meteo, g…

Allarme dermatologi: gli …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nuovi marcatori validi per predire rischio ictus in menopausa

Due molecole potrebbero aiutare in futuro nella diagnosi precoce dei problemi cardiocircolatori per le donne in menopausa. A scoprirle nel sangue di 800 pazienti e’ stato uno studio pubblicato da Genome Medicine. I ricercatori del Fred Hutchinson Cancer Research Centre di Seattle hanno analizzato campioni di sangue di 800 donne che avevano sviluppato problemi alle coronarie dopo la menopausa, di 800 donne che avevano avuto un ictus e di un gruppo di controllo di donne sane.


Dalle analisi e’ emerso che alti livelli della proteina beta-2 microglobulina (B2M) sono associati al problema alle coronarie, mentre un eccesso di una proteina chiamata IGFBP4 e’ legata agli ictus. “Questi biomarcatori appaiono mesi o anni prima che ci sia la diagnosi delle malattie – hanno spiegato i ricercatori – e possono essere usati sia per una diagnosi precoce che per capire meglio i meccanismi con cui queste malattie si presentano”

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi