Neuroni: studiato come la loro a…

L'attivita' dei neuroni p…

Sequenziato il genoma dei batter…

[caption id="attachment_5…

Chinesina influenza livelli di c…

Un nuovo studio dell'Univ…

Oncoproteine tracciabili da una …

[caption id="attachment_3…

Fumo: dai pneumologi un secco "n…

BPCO, ovvero broncopn…

Malattie uomo-donna: differenze …

ROMA - L'ansia e la depre…

Individuate cellule staminali ma…

[caption id="attachment_1…

Cervello in adolescenza: più pro…

Gli adolescenti sono più …

Trapianto rene: un semplice test…

Un semplice test dell…

#AUTISMO: PER TANTI BIMBI PERCOR…

ISTITUTO DI ORTOFONOLOGIA…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nuovi marcatori validi per predire rischio ictus in menopausa

Due molecole potrebbero aiutare in futuro nella diagnosi precoce dei problemi cardiocircolatori per le donne in menopausa. A scoprirle nel sangue di 800 pazienti e’ stato uno studio pubblicato da Genome Medicine. I ricercatori del Fred Hutchinson Cancer Research Centre di Seattle hanno analizzato campioni di sangue di 800 donne che avevano sviluppato problemi alle coronarie dopo la menopausa, di 800 donne che avevano avuto un ictus e di un gruppo di controllo di donne sane.


Dalle analisi e’ emerso che alti livelli della proteina beta-2 microglobulina (B2M) sono associati al problema alle coronarie, mentre un eccesso di una proteina chiamata IGFBP4 e’ legata agli ictus. “Questi biomarcatori appaiono mesi o anni prima che ci sia la diagnosi delle malattie – hanno spiegato i ricercatori – e possono essere usati sia per una diagnosi precoce che per capire meglio i meccanismi con cui queste malattie si presentano”

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x