Progetto Athena scopre il segret…

Ricercatori del progetto …

Ingegneria dei tessuti: vene bio…

Scienziati americani hann…

Endometriosi: fino al 10% posson…

L'endometriosi è una pato…

I dati relativi all’impiego, in …

Milano, 29 ottobre 2013 –…

Farmaci tiroide: raccomandazioni…

'Fino a quando non sarann…

PSA e tumore alla prostata: occh…

Ogni anno in Italia si re…

Un disordine dell'orecchio potre…

Disordini dell'orecchio i…

Cattivo umore: non è sempre nega…

Essere scontrosi e di cat…

Neuroni: scoperto il meccanismo …

E' possibile produrre piu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Staminali per la rigenerazione della cornea: dati oggettivi incoraggianti

limbus

Staminali che curano, e bene, restituendo la vista a chi ha la cornea danneggiata. Questa volta non sono false speranze, ma risultati concreti ottenuti su pazienti veri: 112, seguiti per dieci anni dai medici e i ricercatori italiani che hanno messo a punto il nuovo metodo e si sono appena guadagnati le pagine di una delle riviste di medicina più prestigiose, il New England Journal of Medicine. Che per sottolineare l’importanza del dato consente a chiunque l’accesso gratuito allo studio.

METODO ITALIANO – La tecnica è stata ideata e perfezionata da Graziella Pellegrini, coordinatrice della Terapia cellulare alCentro di medicina rigenerativa “Stefano Ferrari” dell’università di Modena e Reggio Emilia, e da Michele De Luca, direttore del Centro. Cuore del metodo sono le cellule staminali prelevate dal limbus, una zona della cornea facilmente accessibile attraverso un semplice prelievo di 1-2 millimetri in anestesia locale; dal tessuto le staminali vengono estratte e coltivate in laboratorio, dove riformano un epitelio corneale (ovvero il “foglietto” più esterno della cornea) perfettamente sano. A questo punto l’epitelio viene trapiantato nei pazienti: Paolo Rama, direttore dell’Unità cornea e superficie oculare dell’Istituto scientifico San Raffaele di Milano, ha effettuato con la sua equipe tutti gli interventi di cui racconta lo studio, prima presso l’ospedale di Venezia e poi al San Raffaele. I 112 pazienti di cui si legge sul New England (uno operato a entrambi gli occhi) avevano già subito ripetuti trapianti di cornea a causa di grossi danni dovuti a ustioni oculari. Controllati assiduamente lungo l’arco di dieci anni, oggi possono dire di aver risolto i loro problemi: «In oltre il 75 per cento dei casi si è avuto il completo ripristino della superficie della cornea, che è tornata trasparente: tutti i sintomi sono scomparsi e, in assenza di altre patologie, i pazienti hanno recuperato completamente e stabilmente la vista – racconta Graziella Pellegrini -. I nostri dati mostrano che il successo della tecnica è legato a doppio filo con il numero di staminali adulte che riusciamo a mantenere in coltura, ed è importante sottolineare che non abbiamo avuto eventi avversi».

– Per una volta ricerca di base e clinica sono andate a braccetto, insomma, mettendo a segno un risultato di tutto rispetto in un settore, quello dell’uso delle cellule staminali, che da più parti viene visto con sospetto: l’assenza di effetti collaterali di rilievo è un grosso punto a favore della tecnica. Ed è la prima volta che si ottiene un successo così evidente, sia per la stabilità del risultato sia per la durata dell’osservazione clinica. Con un vantaggio non da poco: «Utilizziamo cellule autologhe, ovvero del paziente stesso – spiega Pellegrini -. Questo garantisce la perfetta compatibilità ed esclude il rischio di rigetto o la necessità di dover assumere farmaci immunosoppressori». Di fatto, il metodo è una speranza concreta per chi deve sottoporsi a un trapianto di cornea. Ogni anno in Italia si eseguono oltre 6.000 interventi: i candidati a questo tipo di tecnologia sono i pazienti che non potrebbero essere trattati con il solo trapianto di cornea perché andrebbero incontro a ripetute recidive. La terapia inventata dai ricercatori italiani potrà essere industrializzata: l’intenzione è poterla offrire presto ai pazienti italiani ed europei e non a caso è nato uno spin-off universitario,Holostem Terapie Avanzate, che ha già avviato le procedure per ottenere le necessarie autorizzazioni dall’European Medicinal Agency.

BANCA DEGLI OCCHI – In questo contesto va ricordato, seppure non citato nello studio, il lavoro della Fondazione Banca degli occhi del Veneto, onlus che opera dal 2002 nella ricerca sulle malattie oculari e l’uso delle staminali. Queste vengono prodotte nei laboratori della Fondazione, che garantisce tutte le informazioni per garantire la tracciabilità delle stesse. La nuova tecnica è stata sviluppata in 24 centri italiani e presto due istituti di ricerca, a Venezia e Modena, saranno in grado di fornire lembi di staminali ricostruite in vitro per pazienti colpiti in particolare da gravi ustioni all’epitelio della cornea.

Elena Meli

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!