Salute, 17 milioni di italiani s…

In Italia cresce il numer…

EFIC-GRÜNENTHAL GRANT 2012 a so…

Aperte le iscrizioni su…

Prurito, scoperti i neuroni spec…

[caption id="attachme…

Ginocchia più a rischio con vita…

Sia livelli alti sia live…

Inner Life of the Cell

Un magistrale video di qu…

Zucchero: contro obesità in GB s…

Il governo britannico gui…

L'olfatto risulta compromesso da…

[caption id="attachment_8…

Innovativi tessuti medici che di…

Scienziati dell'Universit…

HIV: scoperto il meccanismo che …

[caption id="attachment_7…

Stafilococco aureo: allo studio …

Il National Institutes of…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori trattati con Tomoterapia HI-ART

L’obiettivo del trattamento radioterapico è di somministrare al tumore dosi molto elevate, aumentando così le probabilità di controllo loco regionale e ridurre la dose di radiazioni ai tessuti sani, con il conseguente controllo dell’insorgenza di complicanze ed effetti collaterali. Ciò si ottiene creando distribuzioni di dose sempre più conformate e”scolpite” ai volumi di irradiazione. Nell’ambito del Dipartimento di Diagnostica per Immagini e Radiologia Interventistica dell’Ospedale Parini di Aosta la scelta si è indirizzata sulla più moderna tecnica per radioterapia con fasci esterni, cioè la Tomoterapia “Hi-Art (Highly Adaptive RadioTherapy). Questa apparecchiatura è stata ideata negli Stati Uniti nei primi anni novanta presso l’Università di Madison (Wisconsin), e progressivamente è stata perfezionata fino a diventare una delle più sofisticate ed efficaci unità di trattamento radioterapico dei tumori.


Attualmente sono 300 le Tomoterapie in funzione presso diversi Centri di Radioterapia nel mondo. Il Centro di Aosta ha avuto l’ “onore” di risultare il trecentesimo del mondo ed il decimo in Italia.
L’apparecchiatura installata ad Aosta rappresenta l’esemplare al momento più avanzato e, unitamente alle funzionalità classiche elicoidali, possiede la funzionalità diretta; quest’ultima consente di effettuare una serie di trattamenti aggiuntivi, in particolare per il tumore della mammella, che fino ad ora erano prerogative del normale acceleratore lineare.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi