Apnee notturne possono rappresen…

Fatica a respirare du…

Proteine nella saliva: dal conte…

Un test semplice da effet…

Emergenza Ebola, la gestione dei…

i pediatri di sitip e sip…

Nano assemblaggio: scienziati sc…

L'organizzazione della vi…

Insufficienza renale: scienziati…

Un team internazionale di…

Le ricerche indipendenti conferm…

Roma, 24 ottobre 2016 – I…

Da cellule ematiche a cellule ce…

I gamberi sono più intell…

Reflusso gastroesofageo: dei mag…

Le persone che soffrono d…

Monito OMS all’Europa: entro il …

Ad Antalya, Turchia, si c…

Sclerosi Multipla e il sistema d…

La risposta autoimmun…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori trattati con Tomoterapia HI-ART

L’obiettivo del trattamento radioterapico è di somministrare al tumore dosi molto elevate, aumentando così le probabilità di controllo loco regionale e ridurre la dose di radiazioni ai tessuti sani, con il conseguente controllo dell’insorgenza di complicanze ed effetti collaterali. Ciò si ottiene creando distribuzioni di dose sempre più conformate e”scolpite” ai volumi di irradiazione. Nell’ambito del Dipartimento di Diagnostica per Immagini e Radiologia Interventistica dell’Ospedale Parini di Aosta la scelta si è indirizzata sulla più moderna tecnica per radioterapia con fasci esterni, cioè la Tomoterapia “Hi-Art (Highly Adaptive RadioTherapy). Questa apparecchiatura è stata ideata negli Stati Uniti nei primi anni novanta presso l’Università di Madison (Wisconsin), e progressivamente è stata perfezionata fino a diventare una delle più sofisticate ed efficaci unità di trattamento radioterapico dei tumori.


Attualmente sono 300 le Tomoterapie in funzione presso diversi Centri di Radioterapia nel mondo. Il Centro di Aosta ha avuto l’ “onore” di risultare il trecentesimo del mondo ed il decimo in Italia.
L’apparecchiatura installata ad Aosta rappresenta l’esemplare al momento più avanzato e, unitamente alle funzionalità classiche elicoidali, possiede la funzionalità diretta; quest’ultima consente di effettuare una serie di trattamenti aggiuntivi, in particolare per il tumore della mammella, che fino ad ora erano prerogative del normale acceleratore lineare.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x