L'impegno del cervello per senti…

Sono stati identificati i…

Alzheimer: le statine utilissime…

Le statine comunemente pr…

Tumori colorettali: esperti gara…

Tra sostenibilita' delle …

Molecole che bloccano la prolife…

La dottoressa Roberta Ben…

Cellule staminali pluripotenti: …

[caption id="attachment_5…

Attribuite ad un fungo cinese, p…

l "maitake", un particola…

Staminali e rigenerazione di tes…

Ricercatori Ospedale Magg…

Robot origami: dal MIT una 'macc…

Da lontano sembra un bana…

Chirurgia plastica: dal convegno…

Meno cicatrici, risultati…

Strabismo: chirurgia risolutiva …

La terapia chirurgica per…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alopecia areata: otto geni a capo della malattia autoimmune

Roma, 18 ago – La caccia alle cause della calvizie sta dando i suoi frutti. Ricercatori del Columbia University Medical Center hanno infatti scoperto ben otto geni colpevoli dell’alopecia areata, una delle piu’ comuni malattie autoimmuni che progredendo porta alla completa perdita dei capelli. Molti dei geni individuati hanno una stretta parentela con altre malattie autoimmuni, come il diabete di tipo 1 e l’artrite reumatoide, e con la psoriasi, che in un primo tempo era ritenuta la causa prima di questa forma di alopecia.

Il leader del gruppo di geni ”malvagi” e’ ULBP3, che guida le cellule tossiche alla distruzione dei tessuti che sostengono i capelli. Altri due geni sono localizzati nel follicolo pilifero, mentre i restanti cinque regolano l’eccessiva risposta immunitaria. Angela M. Christiano, che ha guidato il gruppo di ricerca americano, e’ convinta che adesso, con i geni in tasca, siano possibili ”passi avanti” come la creazione di un test del Dna in grado di individuare precocemente l’arrivo della malattia. (ASCA)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi