Vescica iperattiva: efficace la …

Contro la sindrome de…

Tornare ad amare dopo il tumore …

L’ uro- andrologia chiru…

Fibrosi cistica: tessuto polmona…

Un tessuto polmonare colt…

Cancro: nuovi antitumorali estra…

I ricercatori del MIT (Ma…

Approvato in Europa un nuovo tes…

[caption id="attachme…

Quando un semplice esame del san…

[caption id="attachme…

Aids: vaccino preventivo accumul…

Lo studio ha dimostrato u…

"Nuovi anticoagulanti orali: in…

Sintesi interventi relato…

Maculopatia trattata con cellule…

L'uso di staminali ricava…

SIPPS, integrazione e disabilità…

Roma, 5 aprile 2013 – Il …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alopecia areata: otto geni a capo della malattia autoimmune

Roma, 18 ago – La caccia alle cause della calvizie sta dando i suoi frutti. Ricercatori del Columbia University Medical Center hanno infatti scoperto ben otto geni colpevoli dell’alopecia areata, una delle piu’ comuni malattie autoimmuni che progredendo porta alla completa perdita dei capelli. Molti dei geni individuati hanno una stretta parentela con altre malattie autoimmuni, come il diabete di tipo 1 e l’artrite reumatoide, e con la psoriasi, che in un primo tempo era ritenuta la causa prima di questa forma di alopecia.

Il leader del gruppo di geni ”malvagi” e’ ULBP3, che guida le cellule tossiche alla distruzione dei tessuti che sostengono i capelli. Altri due geni sono localizzati nel follicolo pilifero, mentre i restanti cinque regolano l’eccessiva risposta immunitaria. Angela M. Christiano, che ha guidato il gruppo di ricerca americano, e’ convinta che adesso, con i geni in tasca, siano possibili ”passi avanti” come la creazione di un test del Dna in grado di individuare precocemente l’arrivo della malattia. (ASCA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: