Corsi di Make Up anti cancro: pe…

Il cancro della cervice u…

Chemio e radioterapia in gravida…

Presentati al congresso E…

Alzheimer: stimolazione magnetic…

[caption id="attachment_8…

Scienziati 'identificano' le for…

[caption id="attachment_6…

Autismo e smog: studiato il ness…

Le donne esposte ad alti …

Cardiologia: con uno scanner si …

Un nuovo test diagnostico…

Spina bifida: al Gemelli si da l…

Ricercatori dell'Universi…

Boehringer Ingelheim ha presenta…

Inoltrata alle autorità e…

Coaguli: dalla GB tecnica "aspir…

Il piccolo Albert Tansey…

Allergie: l'assortimento immunit…

Le mamme regalano al figl…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Interrotto lo sviluppo di un farmaco anti-Alzheimer

L’azienda farmaceutica americana Eli Lilly interrompe lo sviluppo del farmaco sperimentale anti-Alzheimer semagacestat, un inibitore dell’enzima gamma-secretasi. Il motivo e’ che i risultati preliminari di due studi clinici di fase III attualmente in corso indicano che il medicinale non rallenta la progressione della malattia, ed e’ associato a un peggioramento dei parametri cognitivi dei pazienti e della loro abilita’ di effettuare attivita’ quotidiane, informa una nota ufficiale della societa’ di Indianapolis. I dati relativi ai pazienti in cura col prodotto – prosegue la nota – mostrano inoltre che semagacestat e’ associato a un aumento del rischio di cancro della pelle, a confronto con il gruppo placebo.


La decisione – precisa l’azienda – non influisce sui programmi di sviluppo clinico di un altro farmaco contro l’Alzheimer, solanezumab, sempre in fase III di sperimentazione sull’uomo. Entrambe le molecole bersagliano le proteine beta-amiloidi che giocano un ruolo di primo piano nell’insorgenza della malattia, ma hanno due meccanismi di azione differenti. Lilly – ricorda il comunicato – ha inoltre altri due composti alle prime fasi di sviluppo clinico. L’annuncio dello stop agli studi su semagacestat – prevede l’azienda – dovrebbe influire sull’utile per azione trimestrale per circa 3 o 4 centesimi di dollaro. La previsione per l’Eps 2010 rimane dunque di 4,44-4,50 dollari ad azione su base Gaap e di 4,50-4,65 su base non Gaap.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: