Sclerosi Multipla progressiva: u…

Una molecola da speriment…

Glutammato: elevati livelli nel …

Chi soffre di psicosi…

Riprodurre sistemi fotosintetici…

[caption id="attachment_5…

Batteri presenti anche nelle uri…

Scoperta la presenza di …

Salviamo la bellezza dell'uomo d…

[caption id="attachment_5…

Meningococco B: la vaccinazione …

21 marzo 2014 – “Mi unisc…

Stress: può portare ad ictus, in…

Gli scienziati trovano e …

Glioblastoma: raddoppiata in mol…

La sopravvivenza a una de…

Ictus: alti livelli di tungsteno…

Nuove ricerche rivelano c…

Un ormone in grado di sortire st…

Esiste un ormone che, alm…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Helicobacter pylori: il suo meccanismo di azione sulle cellule dello stomaco

l'Helicobacter pylori

L’infezione da ceppi CagA-positivi è in grado di inibire l’attività di trascrizione della proteina RUNX3, un importante fattore di soppressione tumorale

L’Helicobacter pylori è l’unico batterio noto a causare un tumore, il carcinoma dello stomaco. Ora una nuova ricerca ha permesso di comprendere il meccanismo biochimico che sta alla base di questa correlazione, che secondo quanto si legge nel resoconto pubblicato sulla rivista Oncogene, è legato alla proteina di virulenza denominata CagA.

Precedenti studi avevano evidenziato come i ceppi di H. pyloriche risultano CagA-positivi abbiano una maggiore probabilità di causare l’infiammazione dei tessuti gastrici, ulcere e in alcuni casi anche una proliferazione cellulare abnorme, all’origine delle forme tumorali. Sebbene infatti il batterio sia presente nello stomaco di circa i due terzi della popolazione mondiale, solo in una piccola percentuale di casi dà origine a manifestazioni patologiche.

In effetti, il batterio, una volta entrato nell’ambiente gastrico, è in grado di infettare le cellule dell’epitelio dello stomaco iniettando al loro interno la CagA, che è in grado di disturbare vari cammini di segnalazione biochimica, interferendo quindi con le funzioni cellulari.

Altri studi hanno invece indicato nella proteina RUNX3 un importante soppressore tumorale: una sua minore espressione è associata all’insorgenza del carcinoma gastrico. Secondo le attuali conoscenze, esso infatti è all’origine della produzione di fattori diretti a colpire le cellule malate, portandole alla morte.

“Sebbene evidenze scientifiche sempre più numerose suggeriscano che RUNX3 sia un soppressore tumorale la cui inattivazione è coinvolta nell’insorgenza e nella progressione del tumore gastrico – ha spiegato Lin-Feng Chen, professore di biochimica dell’Università dell’Illinois e primo autore dello studio – il fattore che innesca l’inattivazione di tale gene all’interno delle cellule gastriche è in gran parte sconosciuto”.

“La proteina RUNX3 è un fattore di trascrizione in grado di inattivare differenti tipi di geni che controllano la crescita e la morte cellulare”, ha concluso Chen. “Secondo i risultati del nostro studio, l’infezione da H. pyloriCagA-positivi è in grado di inibire l’attività di trascrizione della RUNX3 e di ridurre i livelli della proteina RUNX3 nelle cellule. Per contro, i ceppi CagA-negativi non hanno influenza sui livelli o sull’attività di RUNX3”. (

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!