Fegato in laboratorio: ottimo ri…

Per ora e' un fegato 'bo…

Actine e miosine: scienziati ris…

Ricercatori provenienti d…

pazienti e cittadini ad impact 2…

In Europa 500 milioni di …

Dolore cronico: ne soffrono 350.…

Dalla prescrizione di far…

Stimolazione elettrica per sedar…

Chicago, 13 gen. - Grazie…

Oncologia medica: arriva carta e…

Un documento per garantir…

Psoriasi: dal sole arriva un aiu…

Secondo un dermatolog…

La differenza di genere esiste a…

La differenza di genere n…

il modello 3d del cuore che ti p…

[caption id="attachment_5…

Diabete: individuata soglia spec…

L'American Diabetes Assoc…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La leptina a capo di meccanismi come apprendimento, memoria, appetito

La leptina, l’ormone rilasciato dalle cellule adipose, è in grado di attivare l’ippocampo, l’area del cervello che controlla l’apprendimento e la memoria, controllando la sensazione della fame. L’ormone potrebbe dunque essere utilizzato come principio attivo contro l’obesità: a sostenerlo sono i ricercatori della University of Pennsylvania che hanno presentato la scoperta nel corso del Meeting Annuale della Society for the Study of Ingestive Behavior (SSIB) tenutosi a Pittsburgh.

Nel loro studio i ricercatori hanno somministrato la leptina a un gruppo di ratti, constatando che gli animaletti consumavano così meno cibo e riuscivano a perdere peso corporeo. Un risultato che mette in evidenza la possibilità di effettuare ricerche per comprendere il ruolo dei processi cognitivi nei meccanismi di assunzione di cibo e di controllo del peso corporeo. “L’alimentazione è un comportamento complesso che non sempre è guidato dalla fame o dalla necessità – spiega Scott Kanoski, autore dello studio -. Il nostro programma di ricerca è volto a capire come l’apprendimento e la memoria contribuiscano a un’eccessiva assunzione di cibo e, quindi, a dar vita all’obesità”.

Quando le riserve di grasso sono abbondanti, gli esseri umani e gli animali possono essere meno concentrati sull’apprendimento di strategie per il reperimento del cibo. Secondo Kanoski questo studio suggerisce che il cervello riceve i segnali sulle riserve di grasso corporeo e sullo stato dell’energia immagazzinata nel corpo, “e questi segnali a loro volta influenzano l’interpretazione degli stimoli ambientali che riguardano il cibo. Quando la segnalazione della leptina è compromessa, cosa che accade comunemente nelle persone obese, i processi cognitivi che normalmente avrebbero aiutato a inibire o ridurre l’assunzione di cibo possono risultare compromessi”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi