Plasticità della pelle: individu…

Individuata la proteina '…

Tumore al colon-retto: con 52.00…

Migliora la sopravviven…

Sull'attivita' di un enzima potr…

[caption id="attachment_6…

Save the Date: Congresso Ricerca…

Delle centinaia di miglia…

Cardiopatie al minimo se si camb…

Un radicale cambio dello …

Anticorpi artificiali: successo …

[caption id="attachment_8…

Allergie: l'assortimento immunit…

Le mamme regalano al figl…

Contro le alte temperature la so…

Con l’arrivo del caldo im…

"Cuore Matto" per due calciatori…

(Adnkronos Salute) - Cont…

Molecole terapeutiche ottenute d…

Può un analgesico essere …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Test genetico dei capelli per vedere come va il nostro ritmo circadiano

Preoccupati che il proprio stile di vita non sia proprio in sintonia con l’orologio interno del corpo? Adesso basta una semplice analisi dei capelli per scoprirlo. Per la precisione ne bastano cinque o tre peli della barba, come spiega uno studio pubblicato sulla rivista ‘Pnas’.

L’attivita’ biochimica dell’organismo opera infatti sul ritmo circadiano, un ciclo che dura pressapoco 24 ore, che regola molti fenomeni, come le fasi di sonno-veglia, il ritmo cardiaco, le secrezioni ormonali, la pressione sanguigna o la risposta immunitaria.


Se questo ritmo viene disturbato, si puo’ arrivare ad una perdita del sonno con il conseguente aumento di certe malattie, incluso il cancro. I ritmi circadiani sono mantenuti da una serie di geni la cui attivita’ puo’ essere monitorata attraverso la produzione delle molecole di Rna messaggero (mRNA).

Alcuni ricercatori giapponesi dell’universita’ di Yamaguchi hanno scoperto che bastano cinque capelli o tre peli della barba per avere abbastanza cellule per monitorare i livelli di mRna e definire il ritmo circadiano di un individuo. Per farlo il team di scienziati ha usato questa tecnica sui lavoratori che alternavano turni di lavoro notturni e diurni ogni tre settimane. Anche se il loro schema di sonno si spostava di sette ore ogni settimana, i test hanno mostrato che il loro orologio interno andava avanti e indietro al massimo di due ore.

”Il test dei capelli – spiegano i ricercatori – puo’ fornire un modo semplice per monitorare questi ritmi ed evitare malattie che disturbino l’orologio interno del corpo”.
Ansa

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x