Di cancro infantile si guarisce …

Di cancro infantile si pu…

Sostegno alle farmacie rurali: i…

Roma, 17 dicembre 2013 - …

SLA: continua la sperimenazione …

Prosegue la sperimentazio…

Test universitario USA migliora …

Una ricerca americana ha …

Tumore dell'utero: secondo Veron…

''Quello dell'utero e' un…

Fumo, sfatato un mito: smettere …

Smettere di fumare riduce…

Colla a base di fibrina per chiu…

[caption id="attachment_7…

Diabete: livelli glicemici nei r…

Misurare i livelli glicem…

Cellule staminali: lo stomaco ne…

Un nuovo studio ha mostra…

La predisposizione molecolare al…

Un nuovo studio fornisce …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore al seno: scoperto interruttore molecolare della forma aggressiva

Scoperto un gene responsabile delle metastasi originate dal cancro al seno HER2 positivo, una delle forme più aggressive del carcinoma mammario: lo studio, effettuato dai ricercatori del Breakthrough Breast Cancer Research Unit dell’Università di Edimburgo e pubblicato sul British Journal of Cancer, mette in evidenza il ruolo chiave del gene, una sorta di “interruttore molecolare” che, se attivo, sarebbe responsabile della diffusione del cancro ad altri organi. Secondo quanto affermato dai ricercatori, farmaci in grado di inibirne il funzionamento, arrestando lo sviluppo delle metastasi, sarebbero già in cantiere.

È una donna su cinque con cancro al seno a soffrire della forma aggressiva della malattia, nota anche come “HER2 positivo” (Human Epidermal growth factor Receptor 2). “Come per tutti i tumori, la chiave per combatterli è nel comprendere come si formano e come si sviluppano – spiega Elad Katz, che ha guidato lo studio -. Identificare il ruolo chiave di questo gene nella diffusione di questo tipo di tumore al seno è una scoperta significativa. Anche se siamo ancora alla fase iniziale, sappiamo che c’è la reale possibilità di un nuovo trattamento per le donne con carcinoma mammario HER2 positivo”.

L’obiettivo, adesso, è realizzare un farmaco in grado di bloccare l’azione del gene: “Questo studio rappresenta un importante sviluppo perché ora conosciamo uno dei principali fattori che danno vita alle metastasi di questo tipo di cancro – spiega David Harrison, direttore del Breakthrough Breast Cancer Research Unit dell’Università di Edimburgo -. È emozionante sapere che c’è un farmaco che potrebbe fermare questo processo”. (ASCA)

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x