Tumori: stesse cellule malate, m…

Da tempo la comunita' sc…

Bambini bilingui: cervello con m…

Il fenomeno sarebbe da at…

La 'Terapia fotodinamica' che so…

[caption id="attachment_1…

Dal Nilo, sulle mummie, la stori…

Già 1500 anni fa, le prat…

HIV: 14 basi in meno in una spec…

[caption id="attachme…

Cerotto 'molecolare' per bloccar…

[caption id="attachment_7…

Tumori: statine possono rallenta…

Le statine, noti farmaci …

[AME]Carcinoma tiroideo: consoli…

Negli ultimi dieci anni s…

Risultati aggiornati di Fase III…

· darucizumab ha inattiva…

Il brivido della paura nei pesci…

L'odore della paura? Per…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: virus Herpes simplex modificato contro cellule cancerose

In abbinamento con chemioterapia e radioterapia può essere d’aiuto per combattere i tumori di testa e collo: il virus herpes simplex, quello che causa l’herpes labiale, modificato geneticamente sembra riuscire ad aiutare nella lotta contro questo tipo di tumori. A sostenerlo è uno studio sperimentale, condotto finora su 17 pazienti del Royal Marsden Hospital, un centro specializzato nella cure oncologiche, i cui risultati sono stati pubblicati su Clinical Cancer Research dai ricercatori dell’Institute of Cancer Research di Londra guidati da Kevin Harrington.

Attraverso la modifica genetica il virus dell’herpes simplex è in grado di uccidere dall’interno le cellule tumorali senza infettare le cellule del tessuto sano. Una volta inoculato il virus si moltiplica, eliminando le cellule neoplastiche, e produce una proteina che attiva il sistema immunitario, rinforzandolo.

Dallo studio sperimentale condotto è emerso che l’82% dei pazienti (14) ha mostrato di rispondere alla terapia, e che nel 93% dei soggetti è stata registrata la remissione del tumore dopo l’asportazione. Nessun paziente ha sviluppato recidive loco-regionali, e la sopravvivenza al tumore è risultata per l’82% dei pazienti di 29 mesi in media (range tra 19 e 40 mesi). “Circa il 35-55% dei pazienti trattati con chemioterapia e radioterapie standard in genere sviluppa recidive entro due anni – spiega Harrington -. Abbiamo quindi raccolto questi risultati con molto favore”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi