Riconoscere il dolore al petto, …

[caption id="attachment_8…

Papillomavirus Umano (HPV): anco…

A 20 anni si riscontra la…

Batterio della peste bubbonica d…

L'analisi dei ricercatori…

Psoriasi non solo come malattia …

La psoriasi, malattia der…

HIV: scoperto il meccanismo che …

[caption id="attachment_7…

Mylanservizi.it: la piattaforma …

Ottimizzazione del temp…

Una nuova teoria che smentisce i…

[caption id="attachment_5…

In Sanità occorre rivedere i tag…

La ricognizione della sit…

Termalismo: a Monfalcone gocce d…

Le rinnovate Terme Roma…

Melatonina per la fibromialgia: …

Alcuni dati suggerisc…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Chemioterapici: un fattore chiave per la riparazione del DNA

La scoperta del nuovo enzima apre la strada a nuovi trattamenti chemioterapici basati sul platino

Un enzima cruciale per un meccanismo di riparazione del DNA che causa anche una resistenza a un’intera classe di farmaci comunemente utilizzati contro il tumore dell’ovaio è stato scoperto dai ricercatori dell’Anderson Cancer Center dell’ Università del Texas e del Life Sciences Institute of dell’ Università di Zhejiang, in Cina, che ne riferiscono in un articolo apparso su Science Express versione online della rivista Science.

“Questo cammino biochimico che ripara i legami crociati è un fattore comune in diversi tumori, tra cui il tumore della mammella e quello dell’ovaio”, ha spiegato Junjie Chen, coautore dell’articolo. “Se tale cammino è attivo, annulla l’effetto terapeutico del cisplatino e di terapie simili”.

Le chemioterapie basate su cisplatino, carboplatino e oxaliplatino funzionano causando un legame crociato tra filamenti di DNA complementari nelle cellule tumorali che blocca la loro capacità di dividersi e portandole alla morte cellulare.

Il cisplatino e molecole simili sono efficaci contro il tumore ovarico spesso solo inizialmente, poiché nel tempo la neoplasia diventa resistente e ricomincia a progredire.

Finora era noto che il complesso proteico noto come FANCI-FANCD2 è in grado di riparare tale danno ma i dettagli di tale processo erano sconosciuti.

Grazie a quest’ultima ricerca si è scoperto il ruolo dell’enzima coinvolto, denominato FAN1, che appartiene alla classe delle nucleasi, in grado di tagliare seguenze di DNA dal filamento. Si è potuto osservare in particolare in che modo il complesso proteico richiede l’intervento del FAN1, vi si connette e si muove verso il sito del legame crociato del DNA e come questa associazione delle due molecole sia necessaria al processo

Secondo gli studiosi, l’analisi del processo di riparazione può portare a un avanzamento nei trattamenti di casi di tumore in quei pazienti in cui il meccanismo di riparazione è meno attivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: