Dolore: cresce del 15% il consum…

Si concludono oggi le pri…

NBI: Luce blu per individuare tu…

[caption id="attachment_5…

Schizofrenia: scoperta connessio…

Un team di neuroscienzia…

Imprinting genomico: identificat…

Fino a non molto tempo fa…

Sonnambulismo: difetto genetico …

"Mi raccomando non lo sve…

SAN.STEF.AR. esce dal fallimento…

 I Centri riabilitativi S…

Peperoncino: sarà l'ingrediente …

Il peperoncino è in grado…

Nuovo filo da sutura con cellule…

[caption id="attachme…

Un rivestimento per attrezzature…

[caption id="attachment_8…

Gravi patologie all'occhio: appr…

Curate con successo due a…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vitamine B6 e B12, dimostrata la loro importanza nell’integrita’ dei processi cognitivi

Volevano stabilire come le vitamine del gruppo B e i folati aiutano il cervello a funzionare meglio e si sono ritrovati a scoprire una proteina che promette di essere un ‘segnale’ di allarme piu’ efficace per il declino cognitivo. Ricercatori americani guidati da Mary N. Haan della University della California-San Francisco hanno iniziato a esaminare 1.800 volontari tra i 60 e i 101 anni dal 1996 in cerca di prove piu’ sicure sull’importanza di alcune sostanze nutritive per sorreggere le funzioni cerebrali. L’analisi dei campioni di sangue avrebbe, infatti, rivelato che una carenza di vitamine B6 e B12 e’ legata ad una minore efficienza del cervello e nel caso dell’acido folico, ma solo nelle donne, con un rischio leggermente piu’ alto di depressione.


Lo studio e’ andato avanti, fino ad individuare il ruolo della proteina olotranscobalamina (holoTC), praticamente la forma attiva e biologicamente disponibile di vitamina B12, i cui stati carenziali possono far presagire un maggior rischio di invecchiamento per il cervello.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!