Neuroni anti-ansia: nel cervello…

Scoperto nel cervello un …

Giornate di Andrologia e Medicin…

L’impatto dell’infertilit…

Lupus: scoperto un interruttore …

Scoperto da ricercatori d…

Atrofia muscolare spino-bulbare:…

Uno studio condotto d…

Malattie dello scheletro e stami…

[caption id="attachment_9…

Tumore al pancreas: nuovo metodo…

Un gruppo di ricercatori …

Enigma rosa: perché cuore e diab…

Il cuore delle donne è an…

Domani la consegna degli AboutPh…

Milano, 25 ottobre 2016 –…

Capsaicina, ovvero il peperoncin…

[caption id="attachme…

Sindrome del vichingo, descritta…

Un gruppo di ricercatori …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Albumina nelle urine: predittiva di rischi renali acuti

L’analisi dell’albumina nelle urine è in grado di mettere in evidenza il rischio di sviluppare malattie renali acute. A sostenerlo è un gruppo di studiosi della Johns Hopkins University di Baltimora (Usa) guidati da Morgan Grams in uno studio pubblicato sul Journal of the American Society of Nephrology, secondo i quali i pazienti con più alti livelli della proteina corrono un rischio 5 volte maggiore di sviluppare un danno renale acuto.

Del test, spiegano i ricercatori, già si conosceva il legame con il danno renale acuto, ma finora non era mai stato quantificato.

Il team di Baltimora ha studiato le cartelle cliniche di 11.200 pazienti arrivando a individuare che i livelli dell’albumina nel sangue possono funzionare da fattore predittivo di danno renale acuto più di quanto non si fosse mai sospettato finora. Il danno renale acuto, spiegano i ricercatori, si verifica quando i reni improvvisamente perdono la capacità di filtrare le scorie del sangue: se il paziente è in buona salute “è una condizione potenzialmente reversibile, ma non sempre. I danni renali acuti ci preoccupano molto perché possono portare a malattie renali croniche e perfino alla morte”, spiega Grams.

Il semplice ed economico esame potrebbe rappresentare una nuova strada per individuare – e prevenire – danni renali acuti potenziando il “tasso di filtrazione glomerulare” o eGFR, dall’inglese “estimated glomerular filtration rate”, il metodo attualmente utilizzato. (ASCA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi