Cellule staminali del sangue: da…

UNA RICERCA australiana p…

Nobel 2014 Medicina e coniugi Mo…

I coniugi norvegesi Edvar…

Alti livelli di vitamina D contr…

[caption id="attachment_6…

Piastrine sintetiche per fermare…

Piatrine sintetiche in gr…

Tumore al seno: secondo Veronesi…

''Siamo in una fase inter…

Nuovo studio pubblicato su The L…

Nel trial della durata di…

Dispositivo di dimensioni nanosc…

Costruito con materiali g…

"Homo tecnologicus" nello svilup…

Nell'evoluzione delle gra…

Il processo di generazione di nu…

[caption id="attachment_2…

I Costi Dell’inquinamento Atmosf…

QUANTO PESA LO SMOG SULLA…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

I livelli di ferro per il corretto funzionamento della sistema cardiocircolatorio e non solo

Controllare i livelli di ferro nel sangue, anche se in assenza di anemia, potrebbe rivelarsi una mossa utile per prevenire e contrastare l’insufficienza cardiaca cronica. Lo dice uno studio presentato alll’ultimo congresso dell’European Society of Cardiology (Esc) appena conclusosi a Stoccolma. Il ferro è un minerale essenziale per il funzionamento della macchina-uomo e la sua carenza patologica, l’anemia, è comunemente associata allo scompenso cardiaco con una prevalenza che va dal 20 al 70% dei casi.

Una nuova ricerca condotta dall’Università di Wroklaw in Polonia ne ha approfondito il ruolo, scoprendo che il legame tra bassi livelli del minerale nel sangue e l’affaticamento cardiaco, caratterizzato da minor disponibilità di ossigeno, potrebbe verificarsi anche “indipendentemente dall’anemia e in assenza di sintomi franchi”, come spiega uno degli autori della ricerca, Piotr Ponikowski. Verificarne i valori potrebbe tornare utile per sviluppare approcci terapeutici contro l’insufficienza cardiaca cronica, che in Italia è la prima causa di ospedalizzazione tra gli over 65.

Sull’importanza del ferro si conosce quasi o tutto. Svolge un ruolo fondamentale nell’equilibrio delle funzioni organiche, per lo sviluppo e la sopravvivenza; entra in gioco in numerosi processi, tra cui l’eritropoiesi, il trasporto e lo stoccaggio di ossigeno, negli scambi metabolici dei muscoli di scheletro e cuore, nella sintesi dei lipidi e carboidrati, nell’attività di geni e Dna. La biodisponibilità è quindi essenziale. Eppure la carenza di ferro colpisce circa un terzo della popolazione su scala mondiale ed è spesso associata, oltre alle disfunzioni cardiache, a malattie croniche come le malattie infiammatorie intestinali, il morbo di Parkinson, le malattie reumatiche e l’insufficienza renale. (ASCA)

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x