Cancro al seno: diagnosi sofisti…

Nonostante l'impegno note…

Carcinoma alla tiroide: nuove te…

L'agenzia del farmaco sta…

Sindrome di Sjogren: idrossiclor…

I pazienti affetti dalla …

Infarto: il 50% di probabilità i…

Le persone con Hiv hanno…

Scoperta una proteina indispensa…

Un team di scienziati del…

Vitamina B12 per proteggersi dal…

[caption id="attachment_9…

La chiamata alle armi del sistem…

175 milioni di anni di st…

Amaurosi congenita di Leber: pro…

Un innovativo trattamento…

HIV: con antiretrovirali, ottenu…

I trattamenti antiretrovi…

Feto calcificato per 36 anni nel…

Un feto rimasto per 36 an…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

I livelli di ferro per il corretto funzionamento della sistema cardiocircolatorio e non solo

Controllare i livelli di ferro nel sangue, anche se in assenza di anemia, potrebbe rivelarsi una mossa utile per prevenire e contrastare l’insufficienza cardiaca cronica. Lo dice uno studio presentato alll’ultimo congresso dell’European Society of Cardiology (Esc) appena conclusosi a Stoccolma. Il ferro è un minerale essenziale per il funzionamento della macchina-uomo e la sua carenza patologica, l’anemia, è comunemente associata allo scompenso cardiaco con una prevalenza che va dal 20 al 70% dei casi.

Una nuova ricerca condotta dall’Università di Wroklaw in Polonia ne ha approfondito il ruolo, scoprendo che il legame tra bassi livelli del minerale nel sangue e l’affaticamento cardiaco, caratterizzato da minor disponibilità di ossigeno, potrebbe verificarsi anche “indipendentemente dall’anemia e in assenza di sintomi franchi”, come spiega uno degli autori della ricerca, Piotr Ponikowski. Verificarne i valori potrebbe tornare utile per sviluppare approcci terapeutici contro l’insufficienza cardiaca cronica, che in Italia è la prima causa di ospedalizzazione tra gli over 65.

Sull’importanza del ferro si conosce quasi o tutto. Svolge un ruolo fondamentale nell’equilibrio delle funzioni organiche, per lo sviluppo e la sopravvivenza; entra in gioco in numerosi processi, tra cui l’eritropoiesi, il trasporto e lo stoccaggio di ossigeno, negli scambi metabolici dei muscoli di scheletro e cuore, nella sintesi dei lipidi e carboidrati, nell’attività di geni e Dna. La biodisponibilità è quindi essenziale. Eppure la carenza di ferro colpisce circa un terzo della popolazione su scala mondiale ed è spesso associata, oltre alle disfunzioni cardiache, a malattie croniche come le malattie infiammatorie intestinali, il morbo di Parkinson, le malattie reumatiche e l’insufficienza renale. (ASCA)

Archivi