All’Istituto San Carlo il nuovo …

Al via da gennaio il cors…

Nuova tecnica di risonanza magne…

Sviluppata una nuova tecn…

Alzheimer e cancro: non si svilu…

[caption id="attachment_5…

15 anni di Legge Sirchia contro …

Presentati i dati della C…

Europa No-Smoking: il 60 percent…

Europa 'no smoking'. Il …

La scoperta che valse un Nobel a…

L'Ngf (Nerve Growth Facto…

I processi cerebrali che rendono…

Le decisioni che coinvolg…

Microbiota umano: studio agevola…

Creare nuovi modelli mate…

Esami di imaging fanno lievitare…

Gli esami di imaging sono…

Acne: un principio attivo estrat…

Le alghe possono essere u…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Depressione post partum: la risonanza magnetica la ‘legge’

Una risonanza magnetica e’ in grado di individuare la presenza di depressione post partum, disturbo di cui soffre il 15% delle mamme nel periodo immediatamente successivo al parto. Finora non e’ chiaro agli scienziati quali siano le donne piu’ a rischio di incorrere in questo disturbo psicologico. Un team di ricerca dell’universita’ di Pittsburgh, guidato da Eydie Mose’ Kolko, per trovare una traccia cerebrale della depressione, ha osservato due gruppi di madri, 14 con depressione post partum e 16 senza.

Attraverso una risonanza magnetica, i ricercatori hanno osservato che nei due gruppi di donne c’era un’attivita’ cerebrale diversa in reazione alla visione di immagini spaventose o minacciose. Le donne con depressione post partum hanno fatto registrare una risposta attenuata, nelle regioni del cervello responsabili della regolamentazione di empatia ed emozione rispetto a quelle sane. Questo risultato conferma quanto finora era noto, cioe’ che le madri depresse tendono ad essere meno in sintonia con le esigenze o i sentimenti dei loro bambini e meno sensibili, in generale, alle emozioni.
La risonanza ha rivelato anche una modalita’ diversa di coinvolgimento delle stesse aree cerebrali. Nelle madri depresse si sono evidenziate connessioni piu’ deboli tra le zone di regolazione delle emozioni, rispetto alle madri non depresse. Questo elemento, secondo i ricercatori, potrebbe far pensare ad un’origine biologica della depressione. Ma per indagare questo aspetto, secondo Eydie Mose’ Kolko saranno necessari altri studi. ”Ottenere informazioni piu’ dettagliate sulle cause e sui tipi di depressione post-partum – ha detto – puo’ portare a migliori cure e sulla base dei pattern neurali potremmo essere in grado di progettare terapie piu’ efficaci”.(ANSA).

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi