Rivaroxaban ottiene la rimborsab…

Milano, 29 Agosto 2014 – …

Con un semplice test delle urine…

Un semplice test delle ur…

Nessun senso aspettare troppo do…

[caption id="attachment_8…

La memoria e le capacità rievoca…

Il migliore fattore predi…

Scompenso cardiaco e insufficien…

Le nuove tecniche per la …

AIDS: al Bambino Gesu' prima spe…

[caption id="attachment_6…

Confermata maggiore efficacia de…

Pubblicati su The Lancet,…

Rivaroxaban in monosomministrazi…

Sessione Hot Line a ESC 2…

Scoperta una proteina che rallen…

Bloccando una proteina c…

Tumori al cervello: nuovo metodo…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Peptide antibatterico prossima arma per curare militari feriti

Un peptide antibatterico potrebbe essere la prossima arma di difesa dei soldati dal batterio piu’ comune nei teatri di guerra, ormai resistente agli antibiotici piu’ diffusi. A svilupparlo e’ stata l’Universita’ statunitense di Temple. I ricercatori, che hanno pubblicato lo studio sul Journal of Antimicrobial Chemotherapy, hanno testato un peptide chiamato A3-Apo su alcuni ceppi di ‘Acinetobacter baumannii‘, un batterio presente in meta’ dei soldati feriti in Iraq e Afghanistan e nel 40 per cento delle attrezzature degli ospedali da campo. Il peptide e’ stato iniettato in cavie che avevano sviluppato l’infezione, mostrandosi piu’ efficace e meno tossico degli antibiotici tradizionali, verso cui il batterio ha sviluppato una forte resistenza. Risultati simili si sono ottenuti anche contro ceppi resistenti di Escherichia Coli.

”E’ la prima volta che un peptide si dimostra cosi’ efficace – ha spiegato Laszlo Otvos, uno degli autori – ora speriamo di cominciare i test clinici il prima possibile”.

AGI – Salute

1 comment

  1. Talal

    Bene una passo avanti contro questi terribile infiammazione batterica io ammero questi ricerche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi