Probiotico geneticamente modific…

Studio sui topi: un lacto…

Leucemia mieloide: UE approva un…

[caption id="attachment_1…

Mundipharma sostiene la maratona…

Al Marathon Village, dal …

Al via il 1° premio giornalistic…

L’iniziativa, promossa da…

Come il cervello si organizza da…

[caption id="attachment_7…

Malaria: scoperte mutazioni gene…

Scoperte le mutazioni gen…

La retina potrebbe denunciare di…

[caption id="attachment_1…

Protesi all'anca: nuovo protocol…

Nuovo protocollo chirurg…

Merck Serono: nuove sfide per la…

Roma, Italia, 02 apri…

Ricostruito interno orecchio con…

Ideata una nuova tecnic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Peptide antibatterico prossima arma per curare militari feriti

Un peptide antibatterico potrebbe essere la prossima arma di difesa dei soldati dal batterio piu’ comune nei teatri di guerra, ormai resistente agli antibiotici piu’ diffusi. A svilupparlo e’ stata l’Universita’ statunitense di Temple. I ricercatori, che hanno pubblicato lo studio sul Journal of Antimicrobial Chemotherapy, hanno testato un peptide chiamato A3-Apo su alcuni ceppi di ‘Acinetobacter baumannii‘, un batterio presente in meta’ dei soldati feriti in Iraq e Afghanistan e nel 40 per cento delle attrezzature degli ospedali da campo. Il peptide e’ stato iniettato in cavie che avevano sviluppato l’infezione, mostrandosi piu’ efficace e meno tossico degli antibiotici tradizionali, verso cui il batterio ha sviluppato una forte resistenza. Risultati simili si sono ottenuti anche contro ceppi resistenti di Escherichia Coli.

”E’ la prima volta che un peptide si dimostra cosi’ efficace – ha spiegato Laszlo Otvos, uno degli autori – ora speriamo di cominciare i test clinici il prima possibile”.

AGI – Salute

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!