Le lenti intelligenti che vedono…

Per medici e infermieri s…

Anemia: una patologia da affront…

Nasce “Anemia Alli…

Un meccanismo chiave della diffe…

Scoperta una proteina che…

Pediatria, manovra-Monti, ENPAM:…

La FIMP, il Sindacato i…

Leucemia: individuata mutazione …

Un team di ricercatori de…

Dolore: cure "fai da te" per 1 p…

A quasi 4 anni dall'appro…

Peperoncino regolarizza pression…

[caption id="attachment_8…

Consumo di sale in aumento: lo s…

Una nuova stima pubblicat…

Futuri neopadri: rilevati cambia…

Non hanno le nausee mattu…

All’Azienda Ospedaliera Guido Sa…

Con il progetto formativo…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cocomero: protegge da preipertensione, anticamera di disturbi cardiaci

Mangiare il cocomero abbassa la pressione sanguigna e protegge dalla preipertensione, che puo’ portare a malattie cardiache. Almeno questo e’ quanto emerso da uno studio della Florida State University pubblicato sull’American Journal of Hypertension. Gli aminoacidi trovati nella frutta migliorano le prestazioni delle arterie e abbassano la pressione sanguigna nei soggetti affetti preipertensione. L’assunzione di L-arginina, l’aminoacido essenziale per mantenere sana la pressione del sangue, come supplemento non e’ un’opzione per molti adulti ipertesi perche’ i suoi effetti secondari possono includere nausea, dolori di stomaco e diarrea. Al contrario lo studio sull’anguria non ha rivelato effetti negativi.

Il cocomero e’ ricco di L-citrullina, un aminoacido che viene convertito in L-arginina una volta all’interno del corpo. Gli scienziati hanno concluso che questo tipo di frutta “potrebbe prevenire la preipertensione e impedire che progredisca in ipertensione in piena regola, un fattore di rischio per infarti e ictus”. Secondo i ricercatori, tuttavia, anche l’assunzione di supplementi di L-citrullina puo’ ridurre la quantita’ di farmaci antipertensivi necessari per controllare la pressione sanguigna.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi