Un cerotto che ci rende invisibi…

Scienziati creano un ad…

Mieloma multiplo: uno studio apr…

Dalla ricerca italiana nu…

Organi in provetta partendo da s…

Ricostruire organi interi…

Un anticorpo "jolly" in grado di…

Esplora il significat…

Pillola anticoncezionale: come c…

L'uso della pillola antic…

Cresce in Lombardia la richiesta…

 In aumento i trapianti d…

Il 28 marzo e' ripartito il conc…

Vivere oltre la Sclerosi …

Ormone della crescita in eta' ma…

[caption id="attachment_1…

il centro Nerviano Medical Scien…

[caption id="attachment_6…

In neurologia gli equivalenti of…

Affrontato a Milano il te…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cocomero: protegge da preipertensione, anticamera di disturbi cardiaci

Mangiare il cocomero abbassa la pressione sanguigna e protegge dalla preipertensione, che puo’ portare a malattie cardiache. Almeno questo e’ quanto emerso da uno studio della Florida State University pubblicato sull’American Journal of Hypertension. Gli aminoacidi trovati nella frutta migliorano le prestazioni delle arterie e abbassano la pressione sanguigna nei soggetti affetti preipertensione. L’assunzione di L-arginina, l’aminoacido essenziale per mantenere sana la pressione del sangue, come supplemento non e’ un’opzione per molti adulti ipertesi perche’ i suoi effetti secondari possono includere nausea, dolori di stomaco e diarrea. Al contrario lo studio sull’anguria non ha rivelato effetti negativi.

Il cocomero e’ ricco di L-citrullina, un aminoacido che viene convertito in L-arginina una volta all’interno del corpo. Gli scienziati hanno concluso che questo tipo di frutta “potrebbe prevenire la preipertensione e impedire che progredisca in ipertensione in piena regola, un fattore di rischio per infarti e ictus”. Secondo i ricercatori, tuttavia, anche l’assunzione di supplementi di L-citrullina puo’ ridurre la quantita’ di farmaci antipertensivi necessari per controllare la pressione sanguigna.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi