Obesita': il metabolismo cellula…

[caption id="attachment_5…

Cancro ai polmoni: confutata la …

Esiste una connessio…

Aglio: ricerca danese ne spiega …

Stop alle infezioni grazi…

Asma cronica: individuata la chi…

[caption id="attachment_1…

IL 7 GIUGNO RIPARTE LA SFIDA AL …

 Milano, 06 Giugno 2014 –…

Psoriasi, il vero pericolo è che…

Le persone affette da…

Carenza di ferro e anemia: nel m…

Diete sbagliate e disturb…

Schizofrenia e creativita' condi…

[caption id="attachment_8…

“PRENDIAMOCI CURA” IL CONCORSO L…

Teva Italia, in collabora…

Farmaci di uso comune potrebbero…

Gli antidolorifici come l…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Identificata proteina virus influenzale

Catturata in ogni dettaglio la struttura di una molecola del virus dell’influenza cruciale per il processo infettivo e bersaglio preferenziale di farmaci antivirali: l”immagine’ ad altissima risoluzione ottenuta grazie a una speciale forma di risonanza magnetica nucleare ha permesso di vedere in ogni dettaglio (a livello atomico) la molecola canale M2 il cui ruolo e’ mediare il processo infettivo. Pubblicato sulla rivista Science, il lavoro e’ stato condotto da esperti delle Florida State eBrigham Young University coordinati da David Busath. Conoscendo in ogni dettaglio questa struttura il virus potra’ essere attaccato con nuovi farmaci antinfluenzali che colpiscano M2 in modo nuovo.

Il canale M2 e’ una proteina cruciale per il virus che altrimenti non e’ capace di infettare. Inoltre M2 e’ importante dal punto di vista farmacologico perche’ comune a molti virus influenzali quindi e’ un buon bersaglio farmacologico. Gia’ oggi alcuni antivirali agiscono proprio bloccando la proteina canale M2. Appartengono a questa classe di farmaci l’amantadina e la rimantadina, il cui uso non e’ pero’ al momento raccomandato perche’ il virus ha sviluppato parecchie resistenze farmacologiche nei loro confronti. Gli esperti Usa pero’ adesso hanno raccolto nuovi dettagli strutturali sul conto di M2 servendosi di un magnete gigantesco (15 tonnellate) per fare la ‘risonanza magnetica nucleare a stato solido’. Con questa tecnica gli esperti hanno visualizzato la struttura di M2 in ogni dettaglio e ora potranno trovare su di essa nuovi bersagli farmacologici anche a prova di resistenza al farmaco.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi