Dabigatran etexilato: rimborsabi…

• L’ Anticoagulante Ora…

Sedano e prezzemolo possono arre…

Una sostanza contenuta ne…

Resveratrolo e vino rosso: buono…

Il resveratrolo, la sosta…

Arriva il vaccino anti-fumo

Liberarsi del vizio del f…

Farmaci: una tecnica che trasfor…

Grazie a una nuova tecnic…

Nelle staminali del tessuto adip…

Una riserva di giovinezza…

Rigenerazione dei tessuti da cel…

Nuove ricerche della In…

Vitamina D3, cistatina e tumori …

[caption id="attachment_1…

L'occhio della donna ha le pupil…

Un nuovo studio dell'Univ…

Il paziente chiede informazioni …

Roma, 14 novembre 2014. “…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Identificata proteina virus influenzale

Catturata in ogni dettaglio la struttura di una molecola del virus dell’influenza cruciale per il processo infettivo e bersaglio preferenziale di farmaci antivirali: l”immagine’ ad altissima risoluzione ottenuta grazie a una speciale forma di risonanza magnetica nucleare ha permesso di vedere in ogni dettaglio (a livello atomico) la molecola canale M2 il cui ruolo e’ mediare il processo infettivo. Pubblicato sulla rivista Science, il lavoro e’ stato condotto da esperti delle Florida State eBrigham Young University coordinati da David Busath. Conoscendo in ogni dettaglio questa struttura il virus potra’ essere attaccato con nuovi farmaci antinfluenzali che colpiscano M2 in modo nuovo.

Il canale M2 e’ una proteina cruciale per il virus che altrimenti non e’ capace di infettare. Inoltre M2 e’ importante dal punto di vista farmacologico perche’ comune a molti virus influenzali quindi e’ un buon bersaglio farmacologico. Gia’ oggi alcuni antivirali agiscono proprio bloccando la proteina canale M2. Appartengono a questa classe di farmaci l’amantadina e la rimantadina, il cui uso non e’ pero’ al momento raccomandato perche’ il virus ha sviluppato parecchie resistenze farmacologiche nei loro confronti. Gli esperti Usa pero’ adesso hanno raccolto nuovi dettagli strutturali sul conto di M2 servendosi di un magnete gigantesco (15 tonnellate) per fare la ‘risonanza magnetica nucleare a stato solido’. Con questa tecnica gli esperti hanno visualizzato la struttura di M2 in ogni dettaglio e ora potranno trovare su di essa nuovi bersagli farmacologici anche a prova di resistenza al farmaco.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!