L'UE si prepara ad un progetto d…

È stato lanciato di recen…

Epilessia: i consigli della LICE…

Roma, 18 dicembre 201…

Pressione del polso alta indica …

Le persone di mezza eta' …

Sequenziando il genoma delle alg…

[caption id="attachment_7…

Distrofia miotonica: neutralizza…

[caption id="attachment_1…

Combattere il cancro riprogramma…

Il sistema di editing gen…

Traumi: possono essere ereditati…

Gli effetti psicologici d…

Scoperte le basi genetiche dei d…

Pubblicato sul Cerebral…

Fecondazione: la ricerca evidenz…

Scoperta una proteina ch…

Legge 40/2004 A 10 anni quale si…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore ai polmoni: una compressa potrebbe sostituire la chemioterapia

Una semplice compressa al posto della chemioterapia. E’ questa la speranza di uno studio commentato oggi da Federico Cappuzzo, direttore dell’Unita’ operativa di Oncologia medica all’ospedale di Livorno, in occasione del congresso della Societa’ europea di Oncologia a Milano. “Le ricerche effettuate – spiega Cappuzzo – hanno dimostrato come uno specifico farmaco, assunto per via orale, blocca la proliferazione delle cellule tumorale piu’ efficacemente della chemioterapia tradizionale. Lo studio, in particolare, evidenzia come il trattamento con Erlotinib risulti migliore della chemioterapia in pazienti affetti da carcinoma polmonare che in precedenza non abbiano ricevuto altre terapie e con un evento biologico unico come la mutazione del gene EGFR, fatto che si riscontra piu’ frequentemente nelle donne e soprattutto nei non-fumatori. Questi dati rivestono particolare importanza clinica in quanto danno, da subito, la possibilita’ ad alcuni pazienti di evitare i rischi e gli effetti collaterali, spesso anche pesanti, della chemioterapia”.

La particolarita’ di queste sostanze e’ di riuscire ad agire, in modo piu’ selettivo, nei confronti delle cellule tumorali riuscendo ad ucciderle o almeno a impedirne lo sviluppo. “L’invito rivolto a nostri professionisti a commentare studi di questo genere in sedi tanto prestigiose – dice Monica Calamai, direttore generale dell’Azienda USL 6 di Livorno – oltre a far apprezzare al livello internazionale l’opera dei nostri esperti rappresenta un riconoscimento importante per la Sanita’ offerta ai nostri cittadini che possono usufruire di un servizio sempre migliore e al passo con la continua evoluzione fatta registrare in campi come questo”.

AGI – Salute

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi