I Nanostent italiani: 'vaso-dila…

[caption id="attachme…

Malattie coronariche aggravate d…

La carenza di vitamina D …

La nuova sfida della malaria da …

Considerata solitamente m…

Ipertensione: lì dove non arriva…

Impiantata nella gamba, è…

“L’incanto a Teatro” Oggetti e a…

Dopo il grande successo d…

Tacchi alti: il dolore alle arti…

In dieci anni e' piu' ch…

Epilessia: la luce in grado di b…

Una ricerca su topi ha di…

Alzheimer: farmaco contro iperte…

Un farmaco usato comuneme…

Autismo e flora intestinale: la …

Molte persone affetti da…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Esposizione a ormoni androgeni e implicazioni con tumori prostata

Gli ormoni sessuali maschili, chiamati ‘androgeni’, influenzano la fusione di alcuni geni responsabili dello sviluppo del tumore alla prostata. E’ quanto emerso da uno studio dell’Institute of Cancer della Queen Mary University di Londra pubblicato sulla rivista Cancer Research. L’esposizione agli androgeni puo’ provocare la fusione di geni che normalmente sono distanti tra loro. Gli scienziati britannici hanno individuato due geni specifici che si fondono alimentando la crescita del cancro.

Si tratta dei geni ‘TMPRSS2’ ed ‘ERG’. “Questa e’ una scoperta significativa e un importante passo avanti nella prevenzione futura della malattia”, ha detto Yong-Jie Lu, che ha coordinato lo studio. “Potrebbe anche portare – ha continuato – a nuovi trattamenti. Se impareremo a controllare e a gestire i livelli di androgeni, c’e’ un’importante possibilita’ di essere in grado di aiutare migliaia di uomini, specialmente quelli noti per avere un alto rischio per via di una storia familiare di tumore della prostata, a impedire lo sviluppo del cancro”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x