Ipofisi: quando questa piccola g…

Sono così rari che non es…

Dimagrimento da....brivido

Dimagrire è un'impresa 'd…

Dolore cronico: al via il proget…

Il farmacista come riferi…

Naso umano: conosce circa un tri…

L'olfatto dell'uomo è mol…

Linagliptin riduce in modo signi…

I risultati degli studi…

Malati di mieloma e linfoma: mig…

Oltre 9 milioni di person…

SI APRE DOMANI A MILANO IL 16° C…

“Pensare fuori dagli …

Osteoporosi: scoperta una protei…

[caption id="attachme…

Il neuronavigatore per individua…

[caption id="attachment_7…

Integratori di calcio nelle donn…

Gli integratori di ca…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: possibile la diagnosi preventiva

I segni dell’Alzheimer possono essere visti nel cervello molto prima che si presentino le caratteristiche placche amiloidi. Lo ha scoperto uno studio pubblicato dal Journal of Neuroscience su 100 pazienti a cui e’ stata fatta una risonanza magnetica. “In particolare ci siamo interessati allla parte del cervello chiamata precuneo – ha spiegato gli autori dell’Universita’ di St Louis – che potrebbe essere importante per la malattia e nelle condizioni di pre-Alzheimer perche’ e’ la prima in cui si sviluppano le placche”.

Meta’ dei pazienti studiati era portatrice di una mutazione genetica di una proteina chiamata ‘Apoe4′ che favorisce l’insorgenza della malattia. Tutti i test hanno rivelato l’assenza di placche amiloidi nei cervelli studiati, ma i soggetti portatori della mutazione hanno mostrato significative differenze nelle connessioni fra le varie aree del cervello. “Crediamo che una buona parte dei soggetti del primo gruppo sviluppera’ le placche entro pochi anni – ha continuato i ricercatori – la nostra speranza e’ che una volta sviluppate possiamo tornare indietro a questi esami e trovare quali sono i segni predittivi della malattia”.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x