Sclerosi multipla: il ruolo fond…

Uno studio italiano finan…

Scienziati spiegano come le cell…

La questione di come sing…

L'emoglobina: una riserva di oss…

Una ricerca sul Parkinson…

Cellule tumorali evidenziate dal…

Effettuata per la prima v…

Glioblastoma: dagli Stati Uniti …

Lo ha utilizzato un ricer…

Alzheimer: se fosse una forma di…

A mettere in luce i mecca…

BOTULISMO E BOTULISMO INFANTILE:…

Presentata Indagine sulla…

Cure anticancro che espongono a …

Vari farmaci chemioterapi…

La prostata guarisce a Reggio Em…

L’urologia dell’Arcispeda…

Disfunzione erettile: 3 milioni …

Vive il proprio disagio c…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: possibile la diagnosi preventiva

I segni dell’Alzheimer possono essere visti nel cervello molto prima che si presentino le caratteristiche placche amiloidi. Lo ha scoperto uno studio pubblicato dal Journal of Neuroscience su 100 pazienti a cui e’ stata fatta una risonanza magnetica. “In particolare ci siamo interessati allla parte del cervello chiamata precuneo – ha spiegato gli autori dell’Universita’ di St Louis – che potrebbe essere importante per la malattia e nelle condizioni di pre-Alzheimer perche’ e’ la prima in cui si sviluppano le placche”.

Meta’ dei pazienti studiati era portatrice di una mutazione genetica di una proteina chiamata ‘Apoe4′ che favorisce l’insorgenza della malattia. Tutti i test hanno rivelato l’assenza di placche amiloidi nei cervelli studiati, ma i soggetti portatori della mutazione hanno mostrato significative differenze nelle connessioni fra le varie aree del cervello. “Crediamo che una buona parte dei soggetti del primo gruppo sviluppera’ le placche entro pochi anni – ha continuato i ricercatori – la nostra speranza e’ che una volta sviluppate possiamo tornare indietro a questi esami e trovare quali sono i segni predittivi della malattia”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi