HIV: la genetica potrebbe offrir…

[caption id="attachment_8…

Nuova tecnica per riconoscere gl…

[caption id="attachment_1…

Malattie autoimmuni: scoperto il…

I ricercatori dell'Unive…

Colesterolo: a decidere se catti…

[caption id="attachment_9…

Acidi grassi: sani cellule cereb…

Maggiori livelli di acidi…

Disturbi renali: è anche la velo…

La bassa velocita' d…

Dermatologia: è allarme meteo, g…

Allarme dermatologi: gli …

Parere positivo del CHMP per dab…

La raccomandazione p…

Autismo: Pediatri e Regione Tosc…

L'unione fa la forza anc…

Dabigatran etexilato ottiene l'a…

Dabigatran è un’opzi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Leucemia mieloide: UE approva una nuova terapia

L’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha espresso parere favorevole per “dasatinib” nel trattamento dei pazienti adulti con leucemia mieloide cronica Philadelphia + (LMC Ph+) di nuova diagnosi. Dasatinib, nato nei laboratori di Bristol-Myers Squibb, rappresenta il primo nuovo trattamento per questa malattia approvato in Europa dal 2001, quando fu introdotto imatinib che fino a oggi ha costituito la terapia standard.

Il via libera dell’EMA, spiega una nota, si basa sui risultati dello studio internazionale DASISION, pubblicato sul “New England Journal of Medicine”, dove dasatinib ha dimostrato una efficacia superiore nella risposta citogenetica completa confermata al 12mo mese di trattamento rispetto a imatinib. “Il profilo della leucemia mieloide cronica – spiega il prof. Michele Baccarani dell’Universita’ di Bologna, lead investigator di DASISION – e’ migliorato in maniera sostanziale negli ultimi anni grazie all’introduzione delle terapie mirate; la prevalenza di questa neoplasia sta aumentando perche’ i pazienti vivono piu’ a lungo. L’autorizzazione dell’EMA e i risultati dello studio DASISION confermano il ruolo di dasatinib nel trattamento di prima linea della leucemia mieloide cronica Philadelphia positiva in fase cronica”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi