[Cordis] Il grid computing per l…

[caption id="attachment_8…

Dall'uomo al moscerino della fru…

Una nuova ricerca ha dimo…

Alzheimer: sperimentazione nuova…

Il morbo di Alzheimer e' …

Le opinioni altrui hanno un'infl…

Anche se a tutti piace pe…

Dalle cozze arriva la nuova supe…

(ANSA)Arriva dalle cozze …

Sei stato allattato al seno? Far…

Lo sostiene uno studio in…

Frattura spina dorsale: interven…

Nel caso di fratture da…

Batteri intestinali: spesso deli…

La scelta di un cibo piut…

Progetto Behta, 80 specialisti d…

Napoli, 16 Aprile – Sono …

Stafilococco aureo: allo studio …

Il National Institutes of…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer e memoria semantica: l’associazione di immagini a parole, primo indizio

Se la zebra perde le strisce e la giraffa non ha più un collo lungo si può parlare di perdita di memoria semantica, uno dei primi segni dell’incedere, tra le altre, della malattia di Alzheimer. È quanto emerge da uno studio francese condotto da Mickaël Laisney e colleghi degli ospedali universitari di Caen e Rennesin e in corso di pubblicazione sulla rivista specialistica Cortex, secondo cui i primi segni di deterioramento della memoria in soggetti sofferenti del morbo di Alzheimer consisterebbe proprio nei deficit di memoria semantica, che è quella parte della memoria che ci permette di attribuire significato alle parole e di richiamare conoscenze generali e concetti che abbiamo imparato.

I risultati di questo nuovo studio hanno messo in evidenza che i primi elementi della memoria semantica che peggiorano nei soggetti affetti da patologie cerebrali, tra cui l’Alzheimer, sono le caratteristiche distintive di un concetto come, appunto, le strisce di una zebra o il lungo collo di una giraffa. La perdita di questo tipo di memoria causa un offuscamento di concetti strettamente collegati: e così zebre e giraffe diventano genericamente mammiferi a quattro zampe che vivono in Africa. (ASCA)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi