Melanomi: il 'sildenafil' (viagr…

Il Viagra, la pillola blu…

Nasce il network della ricerca c…

Stadler (Grünenthal Ita…

Distrofia muscolare di Duchenne:…

[caption id="attachment_7…

La SIPPS lancia l’allarme: con i…

La Società Italiana di Pe…

All'Istituto dei Tumori 'Accogli…

Inaugurato oggi insieme a…

Interpretare e guarire il dolore…

Gli specialisti apprender…

Epatite C: al vaglio dell'EMA l'…

Bristol-Myers Squibb ha a…

Malattie cardiache: prima causa …

"Sorpasso" delle malattie…

Sordita': danno ossidativo causa…

La perdita dell'udito che…

Ebola: epidemia incontrollabile …

L'epidemia non è sotto co…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer e memoria semantica: l’associazione di immagini a parole, primo indizio

Se la zebra perde le strisce e la giraffa non ha più un collo lungo si può parlare di perdita di memoria semantica, uno dei primi segni dell’incedere, tra le altre, della malattia di Alzheimer. È quanto emerge da uno studio francese condotto da Mickaël Laisney e colleghi degli ospedali universitari di Caen e Rennesin e in corso di pubblicazione sulla rivista specialistica Cortex, secondo cui i primi segni di deterioramento della memoria in soggetti sofferenti del morbo di Alzheimer consisterebbe proprio nei deficit di memoria semantica, che è quella parte della memoria che ci permette di attribuire significato alle parole e di richiamare conoscenze generali e concetti che abbiamo imparato.

I risultati di questo nuovo studio hanno messo in evidenza che i primi elementi della memoria semantica che peggiorano nei soggetti affetti da patologie cerebrali, tra cui l’Alzheimer, sono le caratteristiche distintive di un concetto come, appunto, le strisce di una zebra o il lungo collo di una giraffa. La perdita di questo tipo di memoria causa un offuscamento di concetti strettamente collegati: e così zebre e giraffe diventano genericamente mammiferi a quattro zampe che vivono in Africa. (ASCA)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!