Malattie uomo-donna: differenze …

ROMA - L'ansia e la depre…

E’ nata WAIDID, l'Associazione M…

il debutto al Summit di…

Misurazioni cerebrali: ricercato…

I ricercatori in Finlandi…

Il processo di generazione di nu…

[caption id="attachment_2…

Abiraterone acetato: aumenta sig…

[caption id="attachme…

Ottenuta albumina umana da chicc…

Un team di ricercatori ci…

Calcoli alla colecisti, un probl…

Calcoli alla colecisti, u…

Nelle insuline ‘con il cervello’…

Le ultime ricerche vann…

Cancro al fegato: vaccino vaiolo…

- Un farmaco ottenuto d…

Presbiopia: si può curare col la…

Mantenere giovane la vist…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer e memoria semantica: l’associazione di immagini a parole, primo indizio

Se la zebra perde le strisce e la giraffa non ha più un collo lungo si può parlare di perdita di memoria semantica, uno dei primi segni dell’incedere, tra le altre, della malattia di Alzheimer. È quanto emerge da uno studio francese condotto da Mickaël Laisney e colleghi degli ospedali universitari di Caen e Rennesin e in corso di pubblicazione sulla rivista specialistica Cortex, secondo cui i primi segni di deterioramento della memoria in soggetti sofferenti del morbo di Alzheimer consisterebbe proprio nei deficit di memoria semantica, che è quella parte della memoria che ci permette di attribuire significato alle parole e di richiamare conoscenze generali e concetti che abbiamo imparato.

I risultati di questo nuovo studio hanno messo in evidenza che i primi elementi della memoria semantica che peggiorano nei soggetti affetti da patologie cerebrali, tra cui l’Alzheimer, sono le caratteristiche distintive di un concetto come, appunto, le strisce di una zebra o il lungo collo di una giraffa. La perdita di questo tipo di memoria causa un offuscamento di concetti strettamente collegati: e così zebre e giraffe diventano genericamente mammiferi a quattro zampe che vivono in Africa. (ASCA)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!