Dal Congresso Co.r.te.: con Bion…

Studio dell’equipe del pr…

Scoperto il punto debole delle c…

LE CELLULE tumorali hanno…

Fumo: dai pneumologi un secco "n…

BPCO, ovvero broncopn…

Neuroimaging, Terapia Neurochiru…

Roma, 29 aprile 2014 – In…

[Telethon] Distrofia di Duchenne…

La lotta alla distrofia d…

Cadmio presente in fertilizzanti…

Il cadmio, metallo tossic…

Setticemia nei prematuri: al San…

[caption id="attachme…

Cancro: un agente che sopprime l…

Scienziati testano gli ef…

Leucemia linfoblastica acuta: un…

[caption id="attachment_1…

Nuova tecnica per resezioni di f…

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer e memoria semantica: l’associazione di immagini a parole, primo indizio

Se la zebra perde le strisce e la giraffa non ha più un collo lungo si può parlare di perdita di memoria semantica, uno dei primi segni dell’incedere, tra le altre, della malattia di Alzheimer. È quanto emerge da uno studio francese condotto da Mickaël Laisney e colleghi degli ospedali universitari di Caen e Rennesin e in corso di pubblicazione sulla rivista specialistica Cortex, secondo cui i primi segni di deterioramento della memoria in soggetti sofferenti del morbo di Alzheimer consisterebbe proprio nei deficit di memoria semantica, che è quella parte della memoria che ci permette di attribuire significato alle parole e di richiamare conoscenze generali e concetti che abbiamo imparato.

I risultati di questo nuovo studio hanno messo in evidenza che i primi elementi della memoria semantica che peggiorano nei soggetti affetti da patologie cerebrali, tra cui l’Alzheimer, sono le caratteristiche distintive di un concetto come, appunto, le strisce di una zebra o il lungo collo di una giraffa. La perdita di questo tipo di memoria causa un offuscamento di concetti strettamente collegati: e così zebre e giraffe diventano genericamente mammiferi a quattro zampe che vivono in Africa. (ASCA)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi