Merck Serono completa l'arruolam…

Merck Serono completa l…

Cocaina: potrebbe essere una pre…

I risultati dello studio …

Tumore al seno: anche prima dei …

Una nuova analisi condott…

Vitiligine: efficace l'autotrapi…

[caption id="attachment_6…

Fu il plancton a contribuire sos…

Il plancton fornì un cont…

Fibromialgia: terapia psicologic…

Un intervento psicologico…

Ecolocalizzazione: potremmo vede…

[caption id="attachment_1…

Journal of Clinical Oncology: l’…

La pubblicazione, su un…

AiDS: un farmaco anti-rigetto st…

Una nuova ricerca pubblic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: si hanno tre molecole note che permettono test e diagnosi accurata

Grazie allo screening di moltissime proteine ritenute anomale nel sangue dei pazienti si è arrivati a tre molecole che permettono una diagnosi accurata .
Utilizzando una nuova tecnologia basata su migliaia di molecole sintetiche per la ricerca di anticorpi specifici, un gruppo di ricercatori dello Scripps Research Institute ha sviluppato un nuovo metodo diagnostico potenzialmente in grado di rivelare la patologia di Alzheimer con un semplice esame del sangue.

il nuovo metodo si basa sul fatto che molte patologie portano alla produzione di proteine modificate; a un certo stadio della malattia, il sistema immunitario potrebbe cominciare a riconoscerle come estranee e a mettere in atto una risposta. Finora tuttavia i tentativi di identificare queste proteine anomale non avervano avuto successo.

Kodadek e colleghi hanno utilizzato un approccio innovativo utilizzando un’ampia gamma di molecole scelte in modo casuale, denominate peptoidi, per cercare gli anticorpi trovati nel flusso sanguigno di animali o pazienti con specifiche patologie e non in soggetti di controllo sani.

Come primo test, i ricercatori hanno utilizzato topi affetti da encefalite autoimmune, una patologia simile alla sclerosi multipla umana: utilizzando un migliaio di peptoidi, si è arrivati infine a una manciata in grado di caratterizzare i campioni ematici degli individui malati da quelli dei sani.

Il passo successivo ha riguardato la sperimentazione sulla patologia di Alzheimer: in tal caso il metodo ha consentito d’individuare tre peptoidi in grado di discriminare tra soggetti sani e soggetti malati con grande accuratezza.

Secondo gli autori, che firmano in proposito un articolo sulla rivista Cell, ora il test dovrebbe ottenere una validazione con un trial su un campione più numeroso di soggetti di differenti etnie e con diversi gradi di demenza. Per l’utilizzazione al di fuori dei laboratori di ricerca, inoltre, occorrerebbe una tecnologia basata su una piattaforma più semplice.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!