Fecondazione assistita: nuova te…

[caption id="attachment_9…

IRCC Besta: enzima mitocondriale…

Sull'American Journal of …

Le piante, analizzando l'espress…

Una ricerca in parte sost…

I batteri intestinali sintetizza…

Il cancro al colon-retto …

Diabete di tipo 2: scoperta una …

Un gruppo di scienziati d…

Una molecola chiave per il cuore…

Il cuore risponde allo …

Fratture vertebrali oncologiche:…

[caption id="attachment_7…

Tumori: è tutta italiana la tecn…

Identificare i tumori ed …

Parkinson: nanoparticelle di car…

Uno dei problemi che colp…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

[Cordis]I ricercatori del Quebec si uniscono a ERA-NET NEURON

Alcuni ricercatori che lavorano in Quebec si sono uniti a due progetti finanziati nell’ambito dell’iniziativa NEURON (“Network of European funding for neuro science research”), un’Azione coordinata finanziata nell’ambito dello schema ERA-NET del Sesto programma quadro (6° PQ) dell’UE. Il Fonds de la recherche en Santé du Québec (FRSQ), che ha aderito a NEURON nel 2009, ha affermato che collaborare con partner europei aiuta in maniera reale la provincia canadese ad assicurarsi una posizione più forte nel campo della ricerca sulla salute mentale.

I progetti che aspirano a ottenere finanziamenti da NEURON ERA-NET devono comprendere ricercatori provenienti da almeno tre paesi coinvolti nello schema. Secondo l’ente per l’erogazione di fondi del Quebec questo è stato il primo bando congiunto transnazionale di ERA-NET NEURON al quale i quebecchesi potevano partecipare da quando il FRSQ è entrato a far parte del partenariato nel 2009.

Il comitato di valutazione di NEURON ha ricevuto lettere di intenti da 103 team, 24 dei quali coinvolgevano quebecchesi. A un totale di 32 gruppi è stato richiesto di presentare domande di candidatura complete, 6 di questi team comprendevano membri provenienti dal Quebec. Il FRSQ ha precisato che 2 degli 11 progetti internazionali che sono stati selezionati e hanno ottenuto i finanziamenti comprendevano team provenienti dal Quebec.

“Siamo molto fieri del successo ottenuto dai team del Quebec ed estremamente lieti di poter dare ai nostri migliori ricercatori i mezzi per collaborare con i membri di un enorme rete di studiosi della salute mentale europei,” ha affermato il Presidente e Capo esecutivo di FRSQ, Yves Joanette. “Questa iniziativa è in linea con la strategia di sviluppo della nostra posizione di leadership nella ricerca medica internazionale.”

Il FRSQ metterà a disposizione ogni anno 150.000 dollari canadesi (circa 114.000 euro) per i team che si occupano di progetti locali per 3 anni. I collaboratori di questi team in Europa otterranno sostegno dagli enti di erogazione di finanziamenti come il FRSQ nei propri paesi.

Il team quebecchese che partecipa a NEURON studierà i meccanismi genetici dell’autismo e della schizofrenia ed esaminerà lo stress perinatale e le sue conseguenze epigenetiche sulla depressione. I ricercatori canadesi svolgeranno il loro lavoro insieme a team provenienti da Germania, Spagna, Francia e Italia.

Alla guida di uno dei team quebecchesi c’è il dott. Guy Rouleau del Centre Hospitalier Universitaire (CHU) Saint-Justine. Egli collaborerà con gruppi tedeschi, spagnoli e francesi per identificare i meccanismi genetici che portano ad anomalie nella struttura e nelle funzioni del cervello nelle persone cui sono stati diagnosticati l’autismo o la schizofrenia. Il dott. Rouleau e il suo team si occuperanno in particolare delle variazioni genetiche nelle famiglie nelle quali ci sono casi di autismo o schizofrenia. Secondo loro i risultati di questo studio potrebbero fornire l’impulso di cui i ricercatori hanno bisogno per trovare nuovi geni legati a tali malattie.

I ricercatori credono che l’autismo e la schizofrenia abbiano basi genetiche e molecolari comuni. Condurranno analisi per immagini e genetiche e verificheranno i risultati in modelli di topi mutanti. Il loro lavoro porterà a un approccio integrato per lo studio di autismo e schizofrenia.

Il secondo progetto di ricerca studierà lo stress prenatale, perinatale e post partum e le sue conseguenze epigenetiche sulla depressione. Il team, che comprende canadesi, italiani e tedeschi, esaminerà il fenomeno in diverse specie. Sotto la guida del dott. Moshe Szyf della McGill University di Montreal, il team quebecchese studierà le scimmie, gli italiani studieranno i roditori mentre i tedeschi esamineranno il fenomeno negli esseri umani.

Questo progetto farà luce in maniera efficace sulle firme epigenetiche che potrebbero essere usate per prevedere se una malattia mentale emergerà, per fare diagnosi e per aiutare a prevenire e curare tali malattie.

ERA-NET NEURON sta portando avanti la ricerca neuroscientifica e sulla salute mentale in Europa e oltre i suoi confini.

Per maggiori informazioni, visitare:

NEURON ERA-NET:
http://www.neuron-eranet.eu/

Fonds de la recherche en Santé du Québec (FRSQ):
http://www.frsq.gouv.qc.ca/en/index.shtml

Azioni ERA-NET nel 6° e 7° PQ:
http://ec.europa.eu/research/fp7/index_en.cfm?pg=eranet-projects-home

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!