Legge 40 e diagnosi preimpianto:…

La Corte europea dei diri…

Custirsen per la cura del tumore…

Teva Pharmaceutical Indus…

Quando la rinite allergica è cau…

Di giorno raffreddore…

Mal di schiena per 7 adolescenti…

Per la prima volta in Ita…

CNR: nuovi microscopi con super-…

I ricercatori dell Istit…

Cancro alla prostata: la circonc…

La circoncisione potrebbe…

Cardo mariano: non solo per il f…

I farmaci chemioterapici …

Disfunzione erettile: sei uomini…

Almeno una volta nella vi…

Cancro allo stomaco: nemico di 1…

Nemico insidioso e sotto…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Risonanza magnetica al menisco: non stabilisce quando operare

Un recente studio rivela che la risonanza magnetica permette di diagnosticare le lesioni nel disco cartilagineo che protegge il ginocchio, ma non fornisce informazioni utili a stabilire dove si puo’ intervenire con un’operazione chirurgica. Secondo le stime sono oltre 850.000 gli americani che ogni anno ricorrono alla chirurgia per lesioni ai menischi, i due cunei cartilaginei che assorbono gli urti subiti dall’articolazione del ginocchio. L’intervento chirurgico puo’ consistere o nella riparazione del legamento rotto o nella rimozione della porzione di tessuto meniscale danneggiato. .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi