Fecondazione assistita: nuova te…

[caption id="attachment_9…

IRCC Besta: enzima mitocondriale…

Sull'American Journal of …

Le piante, analizzando l'espress…

Una ricerca in parte sost…

I batteri intestinali sintetizza…

Il cancro al colon-retto …

Diabete di tipo 2: scoperta una …

Un gruppo di scienziati d…

Una molecola chiave per il cuore…

Il cuore risponde allo …

Fratture vertebrali oncologiche:…

[caption id="attachment_7…

Tumori: è tutta italiana la tecn…

Identificare i tumori ed …

Parkinson: nanoparticelle di car…

Uno dei problemi che colp…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sentimentale, omosessuale o eterosessuale, indistinguibile attivita’ cerebrale

Che si tratti di uomini o donne, di un rapporto eterosessuale od omosessuale, l’amore romantico è sempre lo stesso, indistinguibile in termini di attività cerebrale: lo stabilisce uno studio, pubblicato sulla rivista on line ad accesso pubblico PLoS One condotto da Semir Zeki e John Romaya, del Wellcome Laboratory of Neurobiology presso l’University College di Londra.

In questa ricerca, che completa un loro precedente lavoro dedicato alla descrizione dell’attività cerebrale connessa all’amore romantico e all’amore materno, a 24 soggetti sono state mostrate le immagini dei rispettivi partner e di amici dello stesso sesso del partner rispetto ai quali non nutrivano sentimenti affettuosi mentre la loro attività cerebrale; contemporaneamente veniva monitorata con risonanza magnetica funzionale la loro attività cerebrale.

I soggetti, di età compresa fra i 19 e i 47 anni, avevano in corso una relazione appassionata che durava da un minimo di 4 mesi a un massimo di 23 anni. Metà dei soggetti erano donne (6 eterosessuali e 6 omosessuali) e metà maschi (6 eterosessuali e 6 omosessuali).

L’analisi dei dati ottenuti ha mostrato uno schema di attività cerebrale del tutto simile in tutti e quattro i gruppi, con il coinvolgimento di aree corticali e sottocorticali, soprattutto in aree in cui è particolarmente attivo il sistema dopaminergico, a sua volta legato all’attività di altri neuromediatori come l’ossitocina e la serotonina.

Lo studio ha anche mostrato che quando i soggetti – eterosessuali o omosessuali, maschi o femmine che fossero – vedevano l’immagine del loro partner si verificava una forte sotto-attivazione di una estesa parte della corteccia cerebrale, ivi comprese le aree che sovrintendono al giudizio critico.

“L’amore romantico appassionato è comunemente innescato da un input visivo e costituisce uno stato di disorientamento pervasivo. Studi precedenti hanno mostrato che a dispetto della complessità di questa emozione, gli schemi cerebrali attivati quando si osserva il viso di qualcuno che si ama sono limitatati a poche regioni cerebrali, sia pure estremamente connesse”. ha osservato Zeki.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!