Intervento di ablazione ventrico…

Nuovo passo avanti de…

Artrite reumatoide: individuate …

Tre nuovi trattamenti far…

83° Congresso Nazionale della So…

Dall’ 83° Congresso Nazio…

In condizioni di stress, cellule…

[caption id="attachment_7…

Abbronzatura: una microcapsula p…

Un nuovo metodo basato su…

Linee di condotta per la profila…

Roma, 26 novembre 2013 –…

Alzheimer: uno dei primi segni è…

Gli individui hanno piu' …

Progetto 'Blue Brain': il 2030 s…

[caption id="attachment_7…

Il tam tam sull’incontinenza aiu…

Un interessante dibattito…

Decima Giornata Nazionale per l'…

MaratoLICE una maratona p…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Studio USA: troppo zucchero da giovani e il rischio malattie cardiovascolari

Uno studio pubblicato su Circulation, una delle riviste dell’American Heart Association, emerge che il consumo di zuccheri aggiunti da parte degli adolescenti statunitensi e’, attualmente, pari a 28 cucchiaini da te’, per circa 500 calorie totali, pari al triplo del massimo raccomandato per gli uomini (9 cucchiaini per 150 calorie) e al quintuplo per le donne (6 cucchiaini per 100 calorie).

La correlazione zuccheri-malattie cardiache, gia’ riscontrata negli adulti da uno studio pubblicato lo scorso aprile dai ricercatori del CDC di Atlanta e della Emory University – nei quali sono stati riscontrati alti livelli di colesterolo cattivo (LDL) e bassi livelli di colesterolo buono (HDL) per i grandi consumatori di alimenti dolcificati e bibite zuccherate – vale anche per i ragazzi, spiegano i ricercatori.

Dopo aver esaminato per 5 anni l’alimentazione degli adolescenti americani, i ricercatori hanno rilevato che i teenager che assumono zuccheri aggiunti per il 30% delle calorie giornaliere hanno il livello di colesterolo cattivo (Ldl) superiore del 9%, i trigliceridi piu’ alti del 10% e il colesterolo buono (Hdl) del 9% inferiori rispetto ai coetanei che non consumano piu’ del 10% delle calorie quotidiane. Per approfondimenti

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi