Trapianto reni: si valutano le s…

[caption id="attachme…

L’efficacia di ticagrelor nella …

[caption id="attachment_1…

Epatite B: una proteina negli uo…

Washington, 25 nov. - La …

Ustioni gravi con pomate antidol…

Alcune pomate antidolori…

Virus HIV: il ruolo 'dannoso' de…

L'aids provoca disturbi d…

HIV: terapia genica che imita i …

[caption id="attachme…

Disabilità intellettiva: CNR e T…

Chiarito per la prima vol…

Doppia vita di una proteina tras…

Scoperta una proteina che…

Diabete: scoperti altri 10 nuovi…

Dieci nuove aree del Dna …

Dalle cozze la sostanza per ripa…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Studio USA: troppo zucchero da giovani e il rischio malattie cardiovascolari

Uno studio pubblicato su Circulation, una delle riviste dell’American Heart Association, emerge che il consumo di zuccheri aggiunti da parte degli adolescenti statunitensi e’, attualmente, pari a 28 cucchiaini da te’, per circa 500 calorie totali, pari al triplo del massimo raccomandato per gli uomini (9 cucchiaini per 150 calorie) e al quintuplo per le donne (6 cucchiaini per 100 calorie).

La correlazione zuccheri-malattie cardiache, gia’ riscontrata negli adulti da uno studio pubblicato lo scorso aprile dai ricercatori del CDC di Atlanta e della Emory University – nei quali sono stati riscontrati alti livelli di colesterolo cattivo (LDL) e bassi livelli di colesterolo buono (HDL) per i grandi consumatori di alimenti dolcificati e bibite zuccherate – vale anche per i ragazzi, spiegano i ricercatori.

Dopo aver esaminato per 5 anni l’alimentazione degli adolescenti americani, i ricercatori hanno rilevato che i teenager che assumono zuccheri aggiunti per il 30% delle calorie giornaliere hanno il livello di colesterolo cattivo (Ldl) superiore del 9%, i trigliceridi piu’ alti del 10% e il colesterolo buono (Hdl) del 9% inferiori rispetto ai coetanei che non consumano piu’ del 10% delle calorie quotidiane. Per approfondimenti

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi