APPUNTAMENTO A MILANO PER SCOPRI…

A Milano un incontro tra …

Bilirubina: protegge da cancro e…

Il pigmento contenuto nel…

Scoperto in America un virus che…

Riduce l'attivita' cognit…

Cellule staminali: come utilizza…

L'uso di cellule stamina…

Distrofia muscolare: allo studio…

Rigenerare i muscoli da…

Talidomide: arrivano dopo 50 ann…

Ci sono voluti 50 anni, d…

Influenza in arrivo: da Riga l’O…

Influenza in arrivo: da R…

I polifenoli del luppolo aiutano…

Il luppolo, noto per esse…

Immuni al virus dell'AIDS: si sc…

Praticamente immuni al vi…

In uno studio su pazienti, idaru…

• I primi risultati di un…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Studio USA: troppo zucchero da giovani e il rischio malattie cardiovascolari

Uno studio pubblicato su Circulation, una delle riviste dell’American Heart Association, emerge che il consumo di zuccheri aggiunti da parte degli adolescenti statunitensi e’, attualmente, pari a 28 cucchiaini da te’, per circa 500 calorie totali, pari al triplo del massimo raccomandato per gli uomini (9 cucchiaini per 150 calorie) e al quintuplo per le donne (6 cucchiaini per 100 calorie).

La correlazione zuccheri-malattie cardiache, gia’ riscontrata negli adulti da uno studio pubblicato lo scorso aprile dai ricercatori del CDC di Atlanta e della Emory University – nei quali sono stati riscontrati alti livelli di colesterolo cattivo (LDL) e bassi livelli di colesterolo buono (HDL) per i grandi consumatori di alimenti dolcificati e bibite zuccherate – vale anche per i ragazzi, spiegano i ricercatori.

Dopo aver esaminato per 5 anni l’alimentazione degli adolescenti americani, i ricercatori hanno rilevato che i teenager che assumono zuccheri aggiunti per il 30% delle calorie giornaliere hanno il livello di colesterolo cattivo (Ldl) superiore del 9%, i trigliceridi piu’ alti del 10% e il colesterolo buono (Hdl) del 9% inferiori rispetto ai coetanei che non consumano piu’ del 10% delle calorie quotidiane. Per approfondimenti

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi