Allergia alle monete: allarme ni…

Qualche problema in chi è…

Fumo: livelli alti di Pcb nel sa…

Il Pcb aumenta gli effett…

Osteoartrosi: in provincia di Ve…

Il 5 ottobre a Dossobuono…

AIDS: farmaci antiretrovirali pr…

Una singola dose di farma…

Video-pillola per scandagliare l…

Una piccola videocamera …

Cancro alla prostata: il sesso f…

Gli uomini che hanno avut…

CCSVI: nasce l'Associazione Nazi…

VENERDI' 9 APRILE 2010: L…

Disturbi metabolici e obesità: i…

Non solo la passione per…

Convivenza con fumatori paragona…

Chi vive in una casa dove…

Nanoparticelle per studiare da v…

Lo studio dei processi ch…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Celiachia: squilibrio tra sistema immunitario e livelli di una vitamina

Alti livelli di una proteina del sistema immunitario, l’interleuchina 15 e un derivato della vitamina A, l’acido retinoico potrebbero essere la miccia che scatena la celiachia, malattia autoimmune che colpisce in Italia oltre 100mila persone e si basa sulla reazione al glutine.
E’ quanto mostra uno studio pubblicato su Nature, dell’universita’ di Chicago. Gli studiosi hanno ricreato la malattia nei topi e hanno verificato che alti livelli di interleuchina 15 sono in grado di dare il via ai primi stadi della malattia celiaca. Somministrando, poi, acido retinoico sono peggiorati i sintomi .

Successivamente, i ricercatori hanno bloccato l’interleuchina 15 nei topi e hanno osservato che i sintomi sono regrediti: i topi sono ritornati ad essere tolleranti al glutine.

La ricerca ha fatto luce sulla funzione dell’acido retinoico, presente anche nei trattamenti antiacne, che finora era ritenuto un fattore protettivo contro le infiammazioni dell’intestino, mentre si e’ rivelato essere una adiuvante che promuove le risposte infiammatorie cellulari.

Sono gia’ allo studio farmaci che bloccano l’interleuchina 15 per il trattamento dell’artrite reumatoide ma secondo Bana Jabri, della Digestive Disease Research Core Center di Chicago e autore della ricerca, questi potrebbero essere usati anche per la celiachia.(ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi