“Arricchire le conoscenze per mi…

Dal confronto tra esperti…

Alzheimer: nuove scoperte per pr…

E' appena stato pubblica…

"Foto" del cervello svelano con …

E' fra i complimenti più …

La nostalgia rende superiore la …

La sensazione della nosta…

Olfatto dell'uomo: scienziati sc…

Un team europeo di scienz…

Morte programmata delle cellule …

A differenza di quanto av…

'Navigare' su internet allontana…

Le persone adulte e anzia…

TAC: radiazioni di gran lunga pi…

Washington, 15 dic. - Le …

Si apre Impact proactive 2014: l…

Gli esperti del summit an…

Contro la cecità un test con le …

[caption id="attachment_3…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Gonorrea: batterio ‘adotta’ frammenti DNA umano per sfuggire alle cure

Il batterio che causa la gonorrea sta ‘rubando’ un pezzo di Dna al genoma umano, che potrebbe essere l’arma usata per sfuggire agli antibiotici.

Lo hanno osservato i ricercatori della Northwestern University, che hanno descritto il loro studio sulla rivista mBio.
Quello della gonorrea e’ uno dei piu’ antichi batteri in circolazione, ed e’ uno dei pochi che attacca esclusivamente l’uomo. Studiando 14 campioni di batteri isolati dai pazienti i ricercatori hanno scoperto che una parte del Dna di alcuni di questi era identica ad una sequenza riscontrata nell’uomo. Con un ulteriore studio e’ stato dimostrato che il Dna aggiuntivo e’ presente nell’11% dei ceppi analizzati mentre invece e’ assente dai batteri che causano la meningite, molto vicini a quelli della gonorrea, un segno che lo step evolutivo che ha portato all’inglobamento del genoma umano e’ abbastanza recente.

Attualmente la gonorrea e’ trattabile con un solo tipo di antibiotico, perche’ il batterio ha sviluppato resistenza agli altri utilizzati negli ultimi 40 anni: “La possibilita’ di inglobare una sequenza genetica dell’ospite ha di sicuro un ruolo nell’adattamento del batterio – scrivono gli autori – ma come agisca esattamente il Dna umano nel microrganismo e’ ancora un mistero, serviranno nuovi studi per scoprirlo”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x