La caffeina aiuta il cervello ad…

Una piccola dose di caffe…

Rapamicina: ecco come rallenta l…

Scienziati dell'Univers…

HIV: tre nuovi anticorpi combatt…

[caption id="attachment_8…

HCV: Arrivano gli anticorpi mono…

[caption id="attachment_5…

Tumori: Radiofarmaci che "taggan…

Quello di poter mettere u…

Una proteina chiave per lo svilu…

Una serie di cammini di s…

[video] I funghi: rebus biologic…

[caption id="attachme…

Rush finale per la 2a edizione d…

Scade il prossimo 31 ot…

Gli estrogeni sono il segreto de…

L’ormone sessuale femmini…

Genetica e asma: riflessioni

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete di tipo 2: livelli di aminoacidi nel sangue si rivelano predittivi

I livelli di alcuni metaboliti nel sangue possono predire l’insorgenza del diabete di tipo 2 con molti anni di anticipo. Lo ha rivelato uno studio pubblicato da Nature Medicine, secondo cui in particolare sono tre amminoacidi ad essere piu’ predittivi.

La ricerca ha esaminato i dati di 2.400 persone che erano state studiate tra il 1991 e il 1995, di cui 12 anni dopo circa 200 avevano sviluppato il diabete di tipo 2.
Tra questi sono stati scelti 189 pazienti, le cui analisi del sangue sono state confrontate con altrettanti soggetti sani.
Dall’analisi dei dati e’ emerso che i livelli di cinque amminoacidi, isoleucina, leucina, valina, tirosina e fenilalanina, sono associati significativamente al diabete di tipo 2: in particolare chi ha alti tassi dei tre piu’ predittivi ha un rischio fino a 5 volte piu’ alto. “Da un punto di vista clinico – hanno spiegato gli autori dell’Mgh heart center – dobbiamo capire se questi dati sono confermati su un numero piu’ ampio di pazienti. Inoltre bisogna investigare sul ruolo che hanno questi metaboliti nello sviluppo del diabete, e se possono essere fermati”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!