Trapianto cornea: alla Harvard …

[caption id="attachment_6…

Arteriosclerosi: l'esposizione a…

L'esposizione al cadmio,…

Glioblastoma : importante nuova …

[caption id="attachment_6…

Epatocarcinoma: la sinergia di p…

L’epatocarcinoma è una pa…

TEVA annuncia parere favorevole …

GERUSALEMME, 23 luglio 20…

Aspirina: previene in qualche fo…

L'aspirina puo' abba…

Nasce il primo Centro Italiano p…

Presso l’Ospedale San Giu…

Dalla membrana amniotica si puo'…

[caption id="attachment_1…

Scoperta struttura proteina esse…

Un team di ricercatori sp…

Melanoma: identificato nuovo gen…

Arrivano da uno studio tu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Insufficienza renale: scienziati scoprono gene dietro la causa

Un team internazionale di scienziati ha identificato una mutazione associata a un indicatore fondamentale dell’insufficienza renale cronica, cioè alti livelli della proteina albumina nelle urine.

La scoperta potrebbe portare a nuovi metodi per curare l’insufficienza renale e per rallentarne il progresso. Lo studio, che è stato in parte finanziato dall’UE, è stato pubblicato sul Journal of the America Society of Nephrology (JASN).

L’insufficienza renale cronica è un problema serio in tutto il mondo; in Europa, si pensa che circa 1 su 10 persone ne siano affette. I fattori di rischio conosciuti per l’insufficienza renale comprendono il diabete e l’ipertensione. Chiarire i fattori genetici che stanno alla base dell’insufficienza renale cronica si è però rivelato difficile.

In questo studio, il team rivela che una singola mutazione in un gene chiamato CUBN è legata a una malattia chiamata albuminuria, nella quale la proteina albumina va a finire nelle urine. Livelli più alti di albumina nelle urine sono un indicatore chiave dell’insufficienza renale cronnica e sono legati a un maggiore rischio di sviluppare l’insufficienza renale cronica terminale, che può essere curata esclusivamente tramite dialisi o trapianto di rene. Inoltre l’albuminuria è associata a malattie cardiovascolari e mortalità.

I ricercatori hanno scoperto la mutazione scannerizzando e confrontando i genomi di 63.000 persone di discendenza europea e 7000 afro-americani. I campioni comprendevano sia persone affette da diabete che persone non affette da diabete. L’associazione tra la mutazione del CUBN e l’albuminuria è stata trovata in persone di discendenza europea e africana e in persone diabetiche e non.

“L’importanza di questa scoperta è che, anche se nel settore si conosce la funzione della cubilina (la proteina codificata dal gene CUBN) a partire da studi sperimentali su animali, il nostro studio è stato il primo a stabilire il legame tra una variazione genetica in questo gene e l’albuminuria,” ha commentato uno degli autori anziani dell’articolo, la dott.ssa Linda Kao della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health negli Stati Uniti.

“L’identificazione del CUBN e la sua associazione con l’albuminuria darà origine a tanti lavori collegati che ci aiuteranno a cominciare a capire il meccanismo che sta dietro all’albuminuria e speriamo all’identificazione di nuovi obiettivi di cure.”

L’UE ha sostenuto questo lavoro attraverso diversi progetti. EURODIA (“Functional genomics of pancreatic beta cells and of tissues involved in control of the endocrine pancreas for prevention and treatment of type 2 diabetes”), ANEUPLOIDY (“Understanding the importance of gene dosage imbalance in human health using genetics, functional genomics and systems biology”), EUROSPAN (“European special populations research network: quantifying and harnessing genetic variation for gene discovery”) e GENECURE (“Applied genomic strategies for treatment and prevention of cardiovascular death in uraemia and end stage renal disease”) tutti finanziati nell’ambito dell’Area tematica “Scienze della vita, genomica e biotecnologia per la salute” del Sesto programma quadro (6° PQ). EPIC (“European prospective investigation into cancer, chronic diseases, nutrition and lifestyle”) è stato finanziato nell’ambito della linea di budget “Assistenza all’amministrazione” del 6° PQ.

HYPERGENES (“European network for genetic-epidemiological studies: building a method to dissect complex genetic traits, using essential hypertension as a disease model”) e EUNEFRON (‘European network for the study of orphan nephropathies”) sono stati entrambi finanziati nell’ambito del Tema Salute del Settimo programma quadro (7° PQ). Questo lavoro ha inoltre ricevuto il sostegno dell’UE tramite una borsa Marie Curie intra-europea.

Hanno partecipato allo studio ricercatori provenienti da Austria, Belgio, Canada, Germania, Croazia, Islanda, Italia, Norvegia, Paesi Bassi, Regno Unito, Stati Uniti, Svezia e Svizzera.

Per maggiori informazioni, visitare:

Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health:
http://www.jhsph.edu

Journal of the American Society of Nephrology (JASN):
http://www.jasn.org

 

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!