Il cervello come reagisce ad un …

Metà degli ultrasessanten…

Vaccino anti-HERV tra le soluzio…

Nelle cellule infettate d…

L'area del cervello che 'delimit…

[caption id="attachme…

Citospugna per prelievo campioni…

[caption id="attachment_9…

Procreazione assistita: in Itali…

In Italia c'e' una tenden…

La vera pandemia del secolo è il…

[caption id="attachme…

Un farmaco anti-asma utile anche…

Il farmaco Amlexanox (nom…

Antidepressivi: l'AIFA registra …

Il farmaco in Italia e' …

Immuno-oncologia: quarta reale a…

Roma, 27 ott 2014 - Poten…

Ictus: un nuovo 'salvavita' potr…

Un nuovo aiuto contro l'i…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

“La macchina dei compiti”: il cervello

La porzione del cervello responsabile della lettura visiva non richiede affatto la visione, secondo una nuova ricerca. Presentato sulla rivista Current Biology, lo studio è stato in parte finanziato dal progetto SEEING WITH SOUNDS (“Neural and behavioural correlates of seeing without visual input using auditory-to-visual sensory substitution in blind and sighted”), finanziato dall’UE. SEEING WITH SOUNDS ha ricevuto un finanziamento Marie Curie IRG (International reinserimento sovvenzione) di 100.000 euro nell’ambito del Settimo programma quadro (7° PQ).

Gli scienziati sono giunti a questa conclusione dopo che studi di brain imaging dei non vedenti mentre leggono le parole in caratteri Braille, hanno rivelato attività cerebrale proprio nella stessa parte del cervello che si accende quando leggono le persone vedenti. Hanno detto che le loro scoperte contestano la nozione da manuale secondo la quale il cervello è diviso in regioni specializzate nel trattamento delle informazioni provenienti dai diversi sensi. “Il cervello non è una macchina sensoriale, anche se spesso sembra esserlo; è una ‘macchina dei compiti’,” afferma il dottor Amir Amedi, docente presso l’Università ebraica di Gerusalemme, che ha condotto lo studio. “Un’area del cervello può svolgere una funzione unica – in questo caso la lettura – indipendentemente dalla forma che assume l’input sensoriale.”

A differenza di altri compiti che il cervello esegue, la lettura è un’invenzione recente – di soli circa 5.400 anni – e il Braille è in uso da meno di 200 anni. “Questo tempo non è sufficiente affinché il cervello possa aver sviluppato un modulo dedicato alla lettura”, spiega il dott. Amedi. Precedenti studi del co-autore Laurent Cohen dell’Università Pierre e Marie Curie in Francia avevano mostrato in lettori vedenti, che una parte specifica del cervello, nota come l’area visiva del modulo parola (visual word form area, VWFA), è stata preposta a questo scopo. Ma nessuno sapeva che cosa avveniva nel cervello delle persone non vedenti che imparano a leggere senza alcuna esperienza visiva.

L’équipe del dottor Amedi ha usato la risonanza magnetica funzionale (fMRI) per misurare l’attività neurale in otto persone che erano cieche dalla nascita mentre leggono le parole Braille o Braille senza senso. Se il cervello fosse organizzato sull’elaborazione delle informazioni sensoriali, la lettura Braille probabilmente dipenderebbe dalle regioni dedicate al trattamento delle informazioni tattili, secondo il dott Amedi. Se invece il cervello fosse orientato ai compiti, il picco di attività dovrebbe trovarsi attraverso l’intero cervello in VWFA, proprio dove si verifica nei lettori vedenti. Questo è esattamente ciò che i ricercatori hanno scoperto.

Un ulteriore confronto dell’attività cerebrale nei lettori non vedenti e ipovedenti ha dimostrato che i modelli del VWFA erano indistinguibili tra i due gruppi. “Le principali caratteristiche funzionali del VWFA come individuate nei vedenti sono presenti anche nei ciechi, e sono quindi indipendenti dalla modalità sensoriale della lettura e – ancor più sorprendentemente – non richiedono alcuna esperienza visiva,” hanno scritto i ricercatori. “A nostro giudizio, questo fornisce il più forte sostegno finora alla teoria metamodale [della funzione cerebrale]”, che suggerisce che le regioni cerebrali sono definite dai compiti che svolgono. “Quindi, il VWFA dovrebbe anche essere indicato come la zona della forma parola tattile, o più in generale come l’area forma parola (metamodal).”

I ricercatori suggeriscono che il VWFA è una zona di integrazione multi-sensoriale che lega le caratteristiche semplici in forme più elaborate, rendendola ideale per il compito relativamente nuovo della lettura. “La sua posizione anatomica specifica e la sua connettività forte alle aree linguistiche gli consentono di collegare la rappresentazione percettiva della parola ad alto livello con le componenti linguistiche della lettura,” hanno scritto. “È perciò la regione più adatta ad essere occupata durante l’apprendimento della lettura, anche quando la lettura è appresa tramite il tatto, senza previa esperienza visiva.”

Il dott. Amedi ha detto che i ricercatori ora intendono esaminare per la prima volta l’attività cerebrale delle persone che imparano a leggere in Braille, per scoprire quanto rapidamente avviene l’apprendimento. “Come cambia il cervello per elaborare le informazioni in parole?”, si chiede. “Avviene istantaneamente?”

Per maggiori informazioni, visitare:

Contributi internazionali Marie Curie per il reinserimento:
http://cordis.europa.eu/mariecurie-actions/irg/home.html

Ricerca nel 7º PQ:
http://ec.europa.eu/research/fp7/index_en.cfm

Current Biology:
http://www.cell.com/current-biology/

 

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!