Epatite C: prossima definitiva c…

''Nei prossimi anni conti…

Neuroni: la loro memoria 'comand…

E' l'attivazione dei dend…

Le statine, e l'azione inibente …

Le statine ipocolesterole…

Eiaculazione precoce: a Salerno …

In occasione del 13° Cong…

Alcol: scoperto interruttore mol…

Individuata una mole…

Tumore al pancreas: intervento e…

[caption id="attachment_1…

Prima giornata nazionale di sens…

PRIMA GIORNATA NAZIONALE …

La doppia ..personalita' del DNA

La doppia elica del DNA p…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malattia autoimmune: equipe di studiosi italiani scopre e spiega la causa

Un importante risultato d’eccellenza su una malattia del rene, pubblicato su “Kidney International”, la rivista nefrologica piu’ prestigiosa al mondo, e’ stato conseguito da un gruppo di ricerca dell ‘Universita’ di Bari.

Del gruppo di lavoro interdisciplinare fanno parte e’ di Giuseppe De Palma, biotecnologo 29enne di Alberobello e di Giuseppe Castellano, medico nefrologo 36enne di Altamura, entrambi ricercatori del gruppo di Francesco Paolo Schena, professore di Nefrologia dell’Universita’ di Bari. Lo studio si e’ avvalso della collaborazione del professor Silvano Sozzani del Dipartimento di Scienze Biomediche e Biotecnologie dell’Universita’ di Brescia. Lo studio e’ centrato sulle cellule dendritiche, cellule che giocano un ruolo importante nello sviluppo della malattia nei pazienti affetti da lupus eritematoso sistemico con nefrite. Il lupus e’ una malattia autoimmune sistemica complessa che colpisce frequentemente i reni. Ogni anno ci sono nella popolazione mondiale tra 5 e 120 nuovi casi di lupus ogni 100.000 abitanti. La terapia consiste nella somministrazione di cortisone e farmaci immunosoppressori al fine di modulare il sistema immunitario che e’ iperattivo in questi pazienti. Lo studio che ha coinvolto biotecnologi e medici baresi ha consentito di ottenere nuove informazioni sul complicato meccanismo attraverso il quale le cellule dendritiche sono chiamate ad infiltrarsi nei reni e causare la nefrite lupica.
Una speranza in piu’ e una nuova strada di ricerca da percorrere per meglio personalizzare la terapia immunosoppressiva nei pazienti. I ricercatori hanno valutato il ruolo del sistema Chemerin – ChemR23 nella migrazione delle cellule dendritiche nei reni malati. La Chemerin, una proteina prodotta nei reni danneggiati dei malati ed attivata dalla presenza di un’altra proteina infiammatoria, il TNF-alfa, agisce legandosi al recettore ChemR23, che e’ espresso dalle cellule dendritiche. Essa e’ capace di attrarre queste cellule dal circolo sanguigno nei reni. Dell’importante ricerca si e’ vivamente congratulato il Magnifico Rettore professor Corrado Petrocelli che ha sottolineato come l’Universita’ di Bari stia conseguendo risultati di eccellenza in vari settori di ricerca tra i quali i significativi studi sul rene ora annunciati e, di pochi giorni fa, quelli relativi all’ esperimento Pamela (Payload for Antimatter Matter Exploration and Light – nuclei Astrophysics), cui partecipa il Dipartimento Interateneo di Fisica “M. Merlin” dell’Universita’ e del Politecnico.

 

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!