150 convegni in tutta Italia per…

Assogenerici, al via la…

Protesi neuromuscolari: possibil…

L'intenzione di movimento…

Antibiotici che mettono a rischi…

Alcuni tipi di antibiotic…

Tumori: importante la permeabili…

La permeabilita' intestin…

Artrite: uno studio rivela i mec…

Alleviare il dolore conse…

Metabolismo: la proteina che all…

L'attivazione indotta del…

Malattie epatiche: l'ormone grel…

[caption id="attachment_6…

Antibiotici prima dei 6 mesi di …

Trattare i bambini molto …

Distrofia di Duchenne: anche un …

[caption id="attachment_1…

Diagnosi preimpianto per diventa…

Diventare genitori grazi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Test in farmacia: un riconoscimento della professionalita’

Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani

La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto applicativo che disciplina l’esecuzione dei test diagnostici di prima istanza nelle farmacie segna la concretizzazione del progetto della farmacia dei servizi elaborato nel 2006 dalla Federazione degli Ordini

Roma, 11 marzo 2011 – “E’ con grande soddisfazione che registriamo l’arrivo in Gazzetta Ufficiale del decreto applicativo che disciplina l’esecuzione dei test diagnostici di prima istanza in farmacia. Quando nel 2006 abbiamo proposto il progetto della farmacia centro polifunzionale di servizi avevamo due obiettivi: contribuire a una migliore assistenza sul territorio e  promuovere un’importante evoluzione della professionalità dei farmacisti italiani” dice il presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Andrea Mandelli. “Da sempre il farmacista svolge una funzione di consulenza del cittadino fondamentale, spesso, come nel servizio notturno, essendo l’unico operatore sanitario presente sul territorio oltre ai servizi di emergenza. Oggi, con la fa se conclusiva dell’iter partito con la Legge 69/2009, la farmacia dei servizi permetterà al farmacista di poter offrire un più ampio ventaglio di prestazioni, potendo collaborare anche alla prevenzione primaria accanto ai medici di famiglia, con i quali auspichiamo si rinsaldi la già grande collaborazione a vantaggio dei cittadini”. Un ringraziamento, dunque, “va a tutti i colleghi che hanno creduto in questo progetto e naturalmente” conclude Mandelli ”al Ministro della Salute Ferruccio Fazio, che ne ha colto le potenzialità e si è impegnato perché si traducesse in una realtà concreta”.

 

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi