Al via la campagna educazionale …

Eventi itineranti nelle p…

Gastroenterite: In Italia Colpit…

Il Rotavirus è la prima c…

Presso il Policlinico Ponte San …

Trattamento “high tech” p…

Dalle onde cerebrali si leggono …

[caption id="attachment_9…

Fibrosi cistica: nuova strategia…

Una recente ricerca pubbl…

I segreti della memoria "spazial…

Due nuove ricerche sui ra…

AIDS: trant'anni di lotta, ma c'…

Sono passati ormai quattr…

Pesce e overdose di mercurio

I ricercatori scoprono ch…

Medicina della riproduzione: stu…

Stress Ossidativo e Radic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: ricerca preliminare dimostra che il litio rallenta insorgenza sintomi

Il litio, una sostanza comunemente usata per il trattamento della depressione, riesce a rallentare i sintomi dell’Alzheimer. Lo afferma una ricerca preliminare su 41 soggetti pubblicata dal British Journal of Psychiatry.

I ricercatori hanno testato una dose giornaliera di 150 milligrammi su un gruppo di pazienti, confrontato con un altro gruppo che invece riceveva un palcebo.

Al termine del test, durato un anno, entrambi i gruppi hanno mostrato un declino delle capacita’ cognitive, che pero’ e’ risultato piu’ basso nei pazienti che avevano preso la medicina, confermato da una minore crescita di un marker del sangue chiamato concentrazione ‘fosfo-tau’. “Il litio potrebbe contrastare il meccanismo di formazione delle placche responsabili dell’Alzheimer – hanno scritto gli autori dell’Imperial College di Londra – rallentando i sintomi”

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!