Tumori della pelle: la Roche ric…

La Roche ha presentato al…

Fecondazione Eterologa: Raggiunt…

“Adesso è ufficiale. Sono…

Merck Serono: nuove sfide per la…

Roma, Italia, 02 apri…

Da Bergamo uno studio innovativo…

[caption id="attachment_7…

Allarme merenda, per 6 esperti s…

La merenda giusta per i b…

Lo stato di invecchiamento di un…

L’osservazione dello stat…

Scienziati mettono in guardia da…

Nuove scoperte fatte da u…

Gioco di donna: gli ormoni la re…

Stregato dall’ormone. Ecc…

Fumo in gravidanza: mina la futu…

Esporre il feto al fu…

Premio Nobel per la Chimica 2016…

Il riconoscimento ai tre …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: ricerca preliminare dimostra che il litio rallenta insorgenza sintomi

Il litio, una sostanza comunemente usata per il trattamento della depressione, riesce a rallentare i sintomi dell’Alzheimer. Lo afferma una ricerca preliminare su 41 soggetti pubblicata dal British Journal of Psychiatry.

I ricercatori hanno testato una dose giornaliera di 150 milligrammi su un gruppo di pazienti, confrontato con un altro gruppo che invece riceveva un palcebo.

Al termine del test, durato un anno, entrambi i gruppi hanno mostrato un declino delle capacita’ cognitive, che pero’ e’ risultato piu’ basso nei pazienti che avevano preso la medicina, confermato da una minore crescita di un marker del sangue chiamato concentrazione ‘fosfo-tau’. “Il litio potrebbe contrastare il meccanismo di formazione delle placche responsabili dell’Alzheimer – hanno scritto gli autori dell’Imperial College di Londra – rallentando i sintomi”

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!