Melanoma: una ricerca descrive u…

Ricercatori dell'Universi…

Cellule 'malate' che sfuggono al…

Le cellule tumorali si ca…

Proteine a colazione è salute

Una colazione con piu' ri…

A Bolzano nasce hearLIFE Clinic,…

Inaugurata il 29 settembr…

La connessione genica tra fertil…

[caption id="attachment_7…

Sindrome di Behcet: individuate …

Un nuovo studio pubbl…

Salpa la lotta al dolore: alla 4…

Una barca intenzionata a …

Disturbi psicotici: confermata c…

[caption id="attachment_9…

Salute, 17 milioni di italiani s…

In Italia cresce il numer…

Nuova Aviaria: primo contagio da…

Rilevato in Cina il p…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: ricerca preliminare dimostra che il litio rallenta insorgenza sintomi

Il litio, una sostanza comunemente usata per il trattamento della depressione, riesce a rallentare i sintomi dell’Alzheimer. Lo afferma una ricerca preliminare su 41 soggetti pubblicata dal British Journal of Psychiatry.

I ricercatori hanno testato una dose giornaliera di 150 milligrammi su un gruppo di pazienti, confrontato con un altro gruppo che invece riceveva un palcebo.

Al termine del test, durato un anno, entrambi i gruppi hanno mostrato un declino delle capacita’ cognitive, che pero’ e’ risultato piu’ basso nei pazienti che avevano preso la medicina, confermato da una minore crescita di un marker del sangue chiamato concentrazione ‘fosfo-tau’. “Il litio potrebbe contrastare il meccanismo di formazione delle placche responsabili dell’Alzheimer – hanno scritto gli autori dell’Imperial College di Londra – rallentando i sintomi”

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi