Sentimentale, omosessuale o eter…

Che si tratti di uomini o…

Leucemia: un nuovo metodo per te…

Messo a punto nuovo metod…

Scoperto il gene della sordità d…

Individuato il gene che p…

LA FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA I…

La “giusta dose” terapeut…

La cataratta impedisce un corret…

Nei bambini la cataratta …

Dolore: al via IMPACT 2013. Legg…

Nodi problematici ancora …

UNA BUONA RELAZIONE CON LA MAMMA…

Una ricerca dell'IRCCS "E…

La demenza cancella anche il ric…

[caption id="attachment_7…

Trapianti: la biopsia al rene do…

Le biopsie effettuate pe…

La discesa dei prezzi è figlia d…

Giusto sottolineare la di…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: ricerca preliminare dimostra che il litio rallenta insorgenza sintomi

Il litio, una sostanza comunemente usata per il trattamento della depressione, riesce a rallentare i sintomi dell’Alzheimer. Lo afferma una ricerca preliminare su 41 soggetti pubblicata dal British Journal of Psychiatry.

I ricercatori hanno testato una dose giornaliera di 150 milligrammi su un gruppo di pazienti, confrontato con un altro gruppo che invece riceveva un palcebo.

Al termine del test, durato un anno, entrambi i gruppi hanno mostrato un declino delle capacita’ cognitive, che pero’ e’ risultato piu’ basso nei pazienti che avevano preso la medicina, confermato da una minore crescita di un marker del sangue chiamato concentrazione ‘fosfo-tau’. “Il litio potrebbe contrastare il meccanismo di formazione delle placche responsabili dell’Alzheimer – hanno scritto gli autori dell’Imperial College di Londra – rallentando i sintomi”

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi