Cancro all'esofago: nuovo test d…

Scienziati europei hanno …

Tumori al seno: test genetico, t…

[caption id="attachment_7…

Ecolocalizzazione: potremmo vede…

[caption id="attachment_1…

Vaginosi batterica: mai valutati…

E' una comune infezione, …

"Fate il vaccino anti-Hpv", l'ap…

[caption id="attachment_1…

Distrofia miotonica: neutralizza…

[caption id="attachment_1…

Celiachia e Osteoporosi: prevenz…

Milano, 9 ottobre 2014 – …

CNR: una proteina in grado di re…

Uno studio condotto press…

Terapia genica a base di cellule…

Una combinazione di terap…

Epatite C: in Italia virus elimi…

(Ansa) Le terapie con far…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dopo isterectomia valutare l’asportazione ovaie: minor incidenza sviluppo carcinomi



Le donne che si sottopongono a isterectomia dovrebbero prendere in considerazione l’opportunita’ di farsi asportare anche le ovaie. Secondo un recente studio, infatti, tra quelle che lo fanno il rischio di sviluppare un carcinoma ovarico e’ minore e quello di cardiopatie o fratture dell’anca non e’ necessariamente maggiore come molte di esse temono a causa del repentino calo di ormoni successivo all’asportazione delle ovaie.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi