Dialisi: per allungare i tempi t…

Meno fosforo, latte,…

Melanoma e radiazioni ultraviole…

La correlazione tra espos…

Cellule staminali pluripotenti i…

Una equipe giapponese ha …

Ebook readers con inchiostro ele…

A differenza degli sc…

AssoGenerici al fianco della SIF…

Siglata una partnership p…

Funziona il primo polmone in pro…

[caption id="attachment_8…

Genetica: prima volta due DNA ma…

TERAMO. Nei laboratori de…

Molecole: una tecnica per indivi…

Per studiare il funzionam…

L'importanza del pH del sangue c…

[caption id="attachment_7…

Nuovo metodo per studiare altera…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Botox: presto potrebbe essere vinto dal…freddo: nuova tecnica spiana-rughe

Primi test clinici confermano l’efficacia della tecnica di congelamento in alternativa alle iniezioni di botulino per eliminare le rughe.


Certo, bisognerà attendere che l’FDA dia il suo benestare, ma la tecnica che promette di ridurre le rughe semplicemente con il freddo si pone come una alternativa al Botox e al Dysport.

Con questa tecnica, anziché paralizzare i muscoli del viso con la neurotossina botulinica di tipo A, i muscoli si rilassano dopo che sono stati congelati i nervi, ottenendo gli stessi risultati, ossia riducendo le rughe. Ma se siete freddolosi non preoccupatevi, qui non si sente freddo.
La tecnica è stata battezzata “cryotechnology” dal suo inventore, e il dottor Francis Palmer, direttore del dipartimento di chirurgia plastica facciale presso la University of Southern California School of Medicine di Los Angeles, ha dichiarato che questa pare avere la stessa efficacia clinica e sicurezza paragonabili alle altre tecniche esistenti.

Il procedimento avviene in questo modo: per mezzo di piccoli aghi, detti “criosonde”, si congelano i nervi, i quali interrompono il segnale nervoso. Questo fa sì che i muscoli che causano le rughe si rilassino. Di conseguenza, si riducono di molto le linee orizzontali e verticali che, per esempio, attraversano la fronte.

La tecnica, sottolineano i ricercatori, non provoca danni permanenti al nervo ma permette che il segnale rimanga interrotto per un certo periodo di tempo – anche se la temperatura, come ovvio, dopo poco ritorna normale. Il trattamento dura circa 15 minuti.
Il periodo di efficacia pare sia paragonabile a quello del Botox, che è di circa tre-quattro mesi. Tuttavia, sono in fase di verifica affinamenti della tecnica.
Lo studio è stato condotto su 31 persone, le quali hanno mostrato tutte una significativa riduzione delle rughe e qualche piccolo effetto collaterale come mal di testa, arrossamento temporaneo della pelle. Ma il piccolo fastidio pare fosse niente in confronto alla soddisfazione di non vedere più le tanto odiate rughe…

Ma sarà poi così importante cancellare i segni del tempo artificialmente anziché imparare a valorizzarli e mostrare quanto si possa essere comunque belli anche con qualche ruga? Gli anni che passano e che si mostrano sul volto di ognuno possono avere il loro fascino – il segreto sta nel vivere bene con se stessi, e tutto il resto passa in secondo piano.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi