35° CONGRESSO DI ANTIBIOTICOTERA…

Al via il 35° Congresso N…

Donne e tumori: sempre più casi …

Circa 87.000 nuove diagno…

Potrebbe essere troppo testoster…

[caption id="attachment_5…

Infezioni Croniche da Papillomav…

Nuovo approccio per indiv…

Depressione perinatale: ne soffr…

In Italia, circa il 1…

Psoriasi, 73° Congresso AAD San …

Congresso AAD San Francis…

Gruppi sanguigni più a rischio i…

Ricercatori di Harvard ha…

Alzheimer: ricerca in essere, pr…

Benché la scienza abb…

Epilessia: scoperto meccanismo c…

I ricercatori del Cincin…

L'analisi della qualita' del DNA…

Per anni, i parametri sem…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malaria cerebrale: sostanza dopante la neutralizza

Non solo doping: l’eritropoietina (Epo) aiuta a combattere la malaria cerebrale. E’ quanto emerge da uno studio, tuttora in corso, condotto dai ricercatori dell’Universita’ di Copenhagen (Danimarca), che hanno scoperto come la sostanza – piu’ volte utilizzata dai ciclisti per migliorare artificialmente le loro prestazioni – sia in grado di ridurre il grado di mortalita’ connesso alla patologia.

molecola EPO



Gli studiosi hanno scoperto che l’Epo, un ormone che stimola la produzione di globuli rossi, oltre a incrementare la presenza di ossigeno nei tessuti organici, aumenta anche il livello di emoglobina, riuscendo cosi’ a protegge i neuroni dalle conseguenze cerebrali della malaria.

Durante la ricerca, infatti, hanno rilevato che il rischio di mortalita’ di un gruppo di roditori affetti dalla patologia e’ quasi scomparso: e’ passato dal 100% a una percentuale prossima allo zero.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x