Papilloma virus oltre il 50 perc…

I ricercatori hanno esami…

Due farmaci rivoluzionari per cu…

L'annuncio della sperimen…

Malaria: nuovi risultati verso u…

Nuovi positivi risultati …

Cervello: riscontrate anomalie i…

Il cervello di alcuni ado…

IBM presenta il progetto Synapse…

Un circuito che imita le …

Tumore alla prostata: al Regina …

Un nuovo marker consente …

Scoperta una proteina indispensa…

Un team di scienziati del…

Cancro alle ovaie e fumo: scoper…

Ricercatori britannici sc…

Fumo: calano vendite, non fumato…

[caption id="attachment_1…

Cannabis terapeutica: in Califor…

I ricercatori dell’Univer…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete-obesità: super gene interruttore

Nuova luce sulla genetica di obesità e diabete. Ricercatori del King’s College di Londra e dell’Università di Oxford (Gb) hanno scoperto che un gene legato al diabete di tipo 2 e ai livelli di colesterolo è, in effetti, un super-gene.

Un maxi-interruttore che controlla il comportamento di altri geni legati al grasso corporeo. Dal momento che i grassi giocano un ruolo chiave nella vulternabilità alle malattie metaboliche come obesità, cardiopatie e diabete, questa ricerca mette in luce un nuovo possibile bersaglio per futuri trattamenti mirati a contrastare queste patologie.


Lo studio, pubblicato su ‘Nature Genetics’, è parte di una vasta collaborazione internazionale finanziata dal Wellcome Trust, che coinvolge oltre ai ricercatori britannici anche i colleghi svizzeri dell’Università di Ginevra in Svizzera e di DeCode Genetics (Islanda). I ricercatori hanno analizzato oltre 20 mila geni attraverso biopsie di grasso sottocutaneo prelevato da 800 sorelle gemelle britanniche. Scoprendo il legame tra il gene Klf14 e l’espressione di geni diversi, anche molto distanti, trovati nel tessuto grasso. Questo vuol dire che il ‘tassello’ del Dna agisce come un sorta di super-interruttore, capace di controllare a distanza questi geni, spiega Tim Spector del King’s College di Londra. Il dato è stato poi confrontato con quelli ottenuti dall’analisi di 600 biopsie effettuate su soggetti islandesi. “Abbiamo dimostrato che piccole modificazioni in un gene regolatore possono causare una cascata di effetti metabolici in altri geni”, spiega l’esperto. Una scoperta che “ha un grande potenziale terapeutico, in particolare perché è stata ottenuta studiando una popolazione vasta e particolare come i gemelli”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi