Emofilia: arriva una nuova prote…

Grazie a procedure biotec…

Idrocolonterapia: messi in dubbi…

L'idrocolonterapia, metod…

Pallacanestro Varese e Teva Ital…

Continua l’impegno dell…

Ricette di buona salute: Heinz B…

[caption id="attachme…

Premio Nobel per la fisica ai pi…

"A cosa serve la nostra i…

Al Congresso europeo di Radioter…

Nell'ambito del Congresso…

Gravidanza OK grazie ad una prot…

Una nuova ricerca de…

Alzheimer: tra i sintomi immedia…

Gli studiosi dell'Alzhei…

La vitamina D fattore protettivo…

[caption id="attachment_9…

Alzheimer: sperimentazione nuova…

Il morbo di Alzheimer e' …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La strategia dei globuli bianchi per riconoscere patogeni

Lo studio è giudicato importante perché consente di chiarire ulteriormente il mistero di come l’organismo riesca a costruire una risposta immunitaria per combattere le infezioni


Un recettore molecolare sulla superficie dei globuli bianchi è cruciale per il riconoscimento di un fungo che sta cominciando un’infezione: ora un gruppo di ricercatori del Cedars-Sinai Medical Center ha chiarito i dettagli del suo funzionamento.

Il recettore in questione è denominato dectina-1 ed è stato studiato in laboratorio da David Underhill, professore associato dell’Inflammatory Bowel and Immunobiology Research Institute, del Cedars-Sinai, che firma un articolo sulla rivista Nature.

Una consolidata teoria descriva le modalità con cui le cellule del sistema immunitario riconoscono a una certa distanza i frammenti microbici introdotti nell’organismo da un agente patogeno; in questo caso invece lo studio definisce un modello alternativo in cui le cellule immunitarie determinano quando i patogeni entrano in contatto diretto con la loro superficie ponendo una minaccia immediata e quindi la necessità di una pronta distruzione.

Lo studio è giudicato importante perché consente di chiarire ulteriormente il mistero di come l’organismo riesca a costruire una risposta immunitaria per combattere le infezioni.

“Il nostro laboratorio stava studiando la Dectina-1, che dirige i globuli bianchi a distruggere i funghi che incontra direttamente, ma a ignorare i materiali solubili liberati dalla sua superficie che non pongono una minaccia immediata”, ha spiegato Helen Goodridge, primo autore dello studio e ricercatore del laboratorio diretto da Underhill. “Si tratta di una circostanza importante poiché la fagocitosi e le risposte di difesa antimicrobica sono distruttive e richiedono una notevole quantità di energia”.

Una volta all’interno della cellula, l’agente patogeno viene distrutto utilizzando una combinazione di enzmi di degradazione, composti chimici altamente reattivi, e di un ambiente acido.

Quando la dectina-1 rileva la presenza di un fungo, sulla superficie del globulo bianco si forma una struttura che Underhill chiama “sinapsi fagocitica”. A seguito di tale processo, due proteine di inibizione, in grado di inibire la trasmissione di segnali all’interno della cellula vengono inattivate: a questo punto la cellula può essere istruita dalla dectina-1. La sinapsi fagocitica non si forma quando la dectina-1 incontra frammenti fungini solubili, e perciò in tal caso il globulo bianco non risponde

 

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!