Cellule di cuore e polmoni e la …

Evoluti come adattame…

Funziona il primo polmone in pro…

[caption id="attachment_8…

Diabete in gravidanza: un proble…

Al via il nuovo progetto …

Battezzato Foxl2, il gene dell'i…

[caption id="attachment_7…

L'area del cervello che 'delimit…

[caption id="attachme…

Le proteine del capside virale: …

Tumori: più che dai v…

Ictus: corrente di lieve entità …

Uno studio italiano mostr…

Teva annuncia l’approvazione del…

Approvato il primo spray …

Depressione: uomo e donna, due d…

[caption id="attachment_6…

Tumore della prostata in Italia:…

Fondamentalii percorsi di…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: nuovi veri e attendibili marcatori tumorali del cancro alla prostata allo studio

Un nuovo marcatore in grado di scovare il cancro alla prostata in modo piu’ affidabile del piu’ conosciuto Psa (antigene prostatico specifico): ancora in via di sperimentazione, il nuovo test e’ stato messo a punto da un gruppo di ricercatori dell’Universita’ di Uppsala (Svezia) e si basa sulla rilevazione dei prostasomi nel sangue, particelle extracellulari che, in condizioni fisiologiche, vengono rilasciate dalla prostata nello sperma.



I ricercatori hanno dimostrato, in un articolo pubblicato su Pnas, che nei soggetti affetti da cancro alla prostata il livello dei prostasomi nel sangue e’ in grado di rilevare la gravita’ del tumore in modo piu’ evidente del Psa, noto test di screening per il cancro alla prostata recentemente criticato per l’alto numero di ”falsi positivi” che genera. Gli studiosi ipotizzano che in presenza di cancro invasivo alla prostata i prostasomi finiscano, anziche’ nello sperma, nel tessuto circostante il tumore, e quindi nel sangue: elevati livelli ematici di queste particelle indicherebbero quindi la presenza della neoplasia.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x