Legame tra cancro al colon e con…

I pazienti sopravvissuti …

Mieloma multiplo: parere positiv…

Beerse, Belgio, 28 giugno…

La muffa che si propaga meglio d…

[caption id="attachment_5…

Test del DNA del papillomavirus …

[caption id="attachment_5…

Emicrania: isolato il primo fatt…

[caption id="attachment_8…

Obesità: nuovo farmaco che inibi…

Un gruppo di ricercatori…

Epatite C: prezzo rimborsabilità…

Aifa al lavoro per arriva…

Fibrillazione atriale e rischio …

[caption id="attachment…

Limite per l'utilizzo di sale tr…

Un nuovo studio pubblicat…

Classe farmaci anti ADHD: provoc…

I farmaci per il trattame…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: nuovi veri e attendibili marcatori tumorali del cancro alla prostata allo studio

Un nuovo marcatore in grado di scovare il cancro alla prostata in modo piu’ affidabile del piu’ conosciuto Psa (antigene prostatico specifico): ancora in via di sperimentazione, il nuovo test e’ stato messo a punto da un gruppo di ricercatori dell’Universita’ di Uppsala (Svezia) e si basa sulla rilevazione dei prostasomi nel sangue, particelle extracellulari che, in condizioni fisiologiche, vengono rilasciate dalla prostata nello sperma.



I ricercatori hanno dimostrato, in un articolo pubblicato su Pnas, che nei soggetti affetti da cancro alla prostata il livello dei prostasomi nel sangue e’ in grado di rilevare la gravita’ del tumore in modo piu’ evidente del Psa, noto test di screening per il cancro alla prostata recentemente criticato per l’alto numero di ”falsi positivi” che genera. Gli studiosi ipotizzano che in presenza di cancro invasivo alla prostata i prostasomi finiscano, anziche’ nello sperma, nel tessuto circostante il tumore, e quindi nel sangue: elevati livelli ematici di queste particelle indicherebbero quindi la presenza della neoplasia.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi