“Mettici la Faccia”: disegna il …

Al via il concorso dell’I…

L'EMEA approva un farmaco contro…

[caption id="attachment_7…

Scoperta molecola che provoca us…

I suoi inibitori potr…

Test DNA: sara' realta' per prev…

Un test del Dna capace di…

Batterio intestinale: il process…

Scienziati della Universi…

Tumori: inizio lavori congresso …

Oltre sei milioni di doll…

Leucemia Mieloide: ottime rispos…

Nuove conferme dell'effi…

Epilessia: scoperto meccanismo c…

I ricercatori del Cincin…

Diabete nei bambini: studio del …

Diabete nei bambini: aume…

Carcinoma epatocellulare: movime…

L'esercizio fisico p…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: nuovi veri e attendibili marcatori tumorali del cancro alla prostata allo studio

Un nuovo marcatore in grado di scovare il cancro alla prostata in modo piu’ affidabile del piu’ conosciuto Psa (antigene prostatico specifico): ancora in via di sperimentazione, il nuovo test e’ stato messo a punto da un gruppo di ricercatori dell’Universita’ di Uppsala (Svezia) e si basa sulla rilevazione dei prostasomi nel sangue, particelle extracellulari che, in condizioni fisiologiche, vengono rilasciate dalla prostata nello sperma.



I ricercatori hanno dimostrato, in un articolo pubblicato su Pnas, che nei soggetti affetti da cancro alla prostata il livello dei prostasomi nel sangue e’ in grado di rilevare la gravita’ del tumore in modo piu’ evidente del Psa, noto test di screening per il cancro alla prostata recentemente criticato per l’alto numero di ”falsi positivi” che genera. Gli studiosi ipotizzano che in presenza di cancro invasivo alla prostata i prostasomi finiscano, anziche’ nello sperma, nel tessuto circostante il tumore, e quindi nel sangue: elevati livelli ematici di queste particelle indicherebbero quindi la presenza della neoplasia.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!