Differenza genica tra uomo e cav…

Due importanti caratteris…

Crisi ipoglicemiche: sei settima…

Un programma di correzion…

Ictus al femminile: come preveni…

L’American Heart Associat…

Malaria: l'azione diretta su lar…

Colpire i siti di ri…

Vita sessuale meno dolorosa in m…

Il dolore da rapporto ses…

Scompenso cardiaco grave: l’alte…

[caption id="attachme…

Il ruolo dei prioni nella memori…

Le proteine prioniche, no…

Dal 29 novembre al primo dicembr…

Il numero uno della Socie…

Mele: i pediatri vigilano sull'a…

A Roma il 16 Febbraio 201…

Tumori: il gioco chiave delle be…

Non solo predisposizione …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: nuovi veri e attendibili marcatori tumorali del cancro alla prostata allo studio

Un nuovo marcatore in grado di scovare il cancro alla prostata in modo piu’ affidabile del piu’ conosciuto Psa (antigene prostatico specifico): ancora in via di sperimentazione, il nuovo test e’ stato messo a punto da un gruppo di ricercatori dell’Universita’ di Uppsala (Svezia) e si basa sulla rilevazione dei prostasomi nel sangue, particelle extracellulari che, in condizioni fisiologiche, vengono rilasciate dalla prostata nello sperma.



I ricercatori hanno dimostrato, in un articolo pubblicato su Pnas, che nei soggetti affetti da cancro alla prostata il livello dei prostasomi nel sangue e’ in grado di rilevare la gravita’ del tumore in modo piu’ evidente del Psa, noto test di screening per il cancro alla prostata recentemente criticato per l’alto numero di ”falsi positivi” che genera. Gli studiosi ipotizzano che in presenza di cancro invasivo alla prostata i prostasomi finiscano, anziche’ nello sperma, nel tessuto circostante il tumore, e quindi nel sangue: elevati livelli ematici di queste particelle indicherebbero quindi la presenza della neoplasia.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!