Nuove tecnologie per la scansion…

Alcuni scienziati stanno …

RNA: si tenta ancora una ricostr…

Fra i ricercatori è diffu…

Un Team Multidisciplinare Di Spe…

E’ quanto emerge nel cors…

Un batterio da Nobel: l'Helicoba…

[caption id="attachment_4…

Quando la schiena fa “crack”: pe…

Presso l’Ospedale San Car…

Sclerosi Multipla: cellule stami…

Una iniezione di cellule …

Modello cuore in 3D aiuta a capi…

Sviluppato un modello tri…

Quanto la popolazione 'virale' (…

Nonostante una notevole v…

Densità mammaria e rischio di sv…

Le donne il cui seno appa…

La SIN (Società Italiana di Neur…

Per raggiungere i miglior…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Emofilia B: nuova tecnica di terapia genica per curarla

L’emofilia B puo’ essere curata con una tecnica di terapia genica innovativa, chiamata ”genome editing”.

Lo hanno dimostrato per la prima volta i ricercatori del Children’s Hospital di Philadelphia (Stati Uniti) e della Sangamo BioSciences (Richmond, Stati Uniti), che hanno pubblicato i loro risultati su Nature.


La nuova metodica, sperimentata sui topi, annulla l’effetto del 95% delle mutazioni che causano la malattia, con efficacia a lungo termine e senza effetti collaterali, inclusa la possibilita’ di generare nuove malattie genetiche tipica di altre tecniche. Secondo Katherine High, ematologa e coordinatrice dello studio ”dovra’ passare del tempo prima che il ”genome editing” possa essere utilizzato nella terapia, ma e’ un passo avanti nello sviluppo delle terapie geniche”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi