La caffeina aiuta il cervello ad…

Una piccola dose di caffe…

Tassi di mutazione genetica: com…

Dallo studio esce ridimen…

EFIC-Grünenthal Grant: anche nel…

Aquisgrana/Bruxelles, 23 …

Colesterolo: a decidere se catti…

[caption id="attachment_9…

Neuroni: studiato come la loro a…

L'attivita' dei neuroni p…

Le effettive capacità terapeutic…

Ormai da diversi anni ric…

I meccanismi umani della scelta …

Se un organismo ha la pos…

Traguardo per la chirurgia oftal…

L’impianto in cifre: …

Tumori e genoma: le strane allea…

Effettuata la sequenz…

DARUNAVIR Q.D. E’ STATO APPROVAT…

La monosomministrazione g…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Emofilia B: nuova tecnica di terapia genica per curarla

L’emofilia B puo’ essere curata con una tecnica di terapia genica innovativa, chiamata ”genome editing”.

Lo hanno dimostrato per la prima volta i ricercatori del Children’s Hospital di Philadelphia (Stati Uniti) e della Sangamo BioSciences (Richmond, Stati Uniti), che hanno pubblicato i loro risultati su Nature.


La nuova metodica, sperimentata sui topi, annulla l’effetto del 95% delle mutazioni che causano la malattia, con efficacia a lungo termine e senza effetti collaterali, inclusa la possibilita’ di generare nuove malattie genetiche tipica di altre tecniche. Secondo Katherine High, ematologa e coordinatrice dello studio ”dovra’ passare del tempo prima che il ”genome editing” possa essere utilizzato nella terapia, ma e’ un passo avanti nello sviluppo delle terapie geniche”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x